fbpx

Chi ha bisogno di “365 giorni”? Scopri questi 2 film di sesso reale davvero belli – Notizie della serie

‘365 giorni’ e ‘365 giorni 2’ non possono essere considerati dei buoni film, ma sono certamente espliciti, il che li ha resi dei veri successi.

365 giorni è stato uno dei più grandi successi di Netflix del 2020. Il film erotico tratto dai romanzi di Blanka Lipinska, con Michele Morrone e Anna-Maria Sieklucka, è uno dei più grandi successi della piattaforma streaming degli ultimi anni e ha continuato la sua eredità con il sequel , 365 giorni: quel giorno, che è tornato a spazzare dopo aver visto la luce il 28 aprile. Inizialmente è stato presentato come a Cinquanta sfumature di grigio Polacco, perché tratto da una saga letteraria e il sesso al centro della storia. La principale differenza tra le due produzioni è che quella polacca ha più problemi morali.

365 giorni 2 è stato un indubbio successo, indipendentemente dalle sue critiche o valutazioni. Il film diretto da Barbara Bialowas e Tomasz Mandes potrebbe non comparire nelle liste dei migliori dell’anno, ma sarebbe un errore ignorarlo visto il grande impatto che ha sulla società. Basata su scene di sesso che sembrano quasi reali, situazioni stravaganti e folli colpi di scena, la saga 365 giorni affascina e affascina gli spettatori.

Cosa vedere: 6 film erotici in streaming da guardare dopo ‘365 giorni: Quel giorno’

Se sei interessato al genere erotico, dovresti sapere che ci sono titoli che vale la pena vedere. Uno di essi, diviso in due parti, è disponibile all’indirizzo filmin e, in termini di critiche, supera di gran lunga la produzione polacca. è circa Ninfomane: Volume 1 Y Ninfomane: Volume 2di Lars Von Trier.

‘Nymphomaniac’: un classico di Lars von Trier

Questo dramma erotico, diviso in due film e, a sua volta, in otto capitoli, è incentrato su Joe (Charlotte Gainsbourg), che viene prelevato in un vicolo buio mentre è picchiato e mezzo privo di sensi. Finisce a casa di Seligman (Stellan Skarsgard), che la riporta in salute. Durante questo processo, Joe le racconta della sua vita sessuale e della sua sofferenza, il che porta a una serie di storie sulla lussuria e sul sesso.

“Un film divertente con il sesso come leitmotiv, tempestato di immagini meravigliose”analizza il critico e ‘editore’ di SensaCinema Alejandro G. Calvo, “quando è più puerile – la gara di polvere all’interno di un treno è magnifica – la proposta funziona meglio. Mentre quando raggiunge la serietà cercando di trovare qualcosa di simile a un significato metafisico alle azioni della ninfomane, si scopre essere il più ridicolo e anodino”.

Leggi  Sous sa Coupe: Il film è ispirato a una storia vera?

Recensione “Nymphomaniac: Volume 1”: The Ages of Joe

Charlotte Gainsbourg e Stellan Skarsgård sono affiancati da Stacy Martin, Shia LaBeouf, Christian Slater, Jamie Bell, Uma Thurman, Mia Goth e Willem Dafoe. Tutti agli ordini di Von Trier, cineasta che si è sempre mosso a suo agio tra gli eccessi e qui torna a domare la narrazione tra scene inquietanti.

Le scene di sesso “Nymphomaniac” sono reali?

Sì e no. Per girare le scene di ninfomane hanno fatto ricorso al compositing digitale per sovrapporre i genitali degli attori ai corpi degli attori di film pornografici. “Abbiamo filmato gli attori che fingevano di fare sesso e poi c’erano i doppi del corpo, che in realtà hanno fatto sesso, e nel post li imporremo digitalmente. Quindi sopra la vita ci sarà la star e sotto la vita ci saranno i doppi”, ha detto Von Trier a Cannes presentando il film. Pertanto, quello che si vede è sesso reale, ma non praticato dagli attori principali.

Il punto in cui il limite è stato superato è stato alle audizioni. Von Trier ha chiesto a Shia LaBeouf di inviargli le foto del suo pene in modo che potesse ottenere la parte. L’attore era disposto a fare qualsiasi cosa per lavorare con il regista e non solo gli ha dato le immagini dei suoi genitali nella loro posa migliore, ma gli ha anche inviato alcuni video mentre faceva sesso con la sua ragazza. Deve aver funzionato perché ha finito per far parte del cast.

Occhio, ricorda che esiste una versione del regista di ninfomane che è quasi 30 minuti più lungo nel primo volume e un’ora intera nel secondo. I lungometraggi abbreviati sono stati realizzati in questo modo per la loro uscita nelle sale, ma la vera intenzione di Von Trier era quella di raccontare la storia con quelle scene extra, che cambiano radicalmente l’esperienza. I personaggi e le singole storie hanno molto da raccontare e il ritmo narrativo è molto diverso. Puoi vedere entrambe le versioni su Filmin.

Se vuoi essere aggiornato e ricevere le anteprime nella tua email, iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia un commento