fbpx

‘Chi è Anna?’: Una vittima di Anna Sorokin fa causa a Netflix per diffamazione presentandola come “una persona avida e manipolatrice” – Notizie serie TV

Rachel Williams crede che la creatrice Shonda Rhimes abbia distorto la verità nei docuserie sul truffatore.

A febbraio è stato presentato in anteprima su Netflix uno dei documentari più noti basati su eventi reali di questo 2022. Parliamo di Chi è Anna?, i docuserie sulla vita dell’artista della truffa Anna Sorokin. Conosciuta anche come Anna Delvey, ha avuto diverse vittime nella sua lista, da amici a uomini d’affari di alto profilo. Rachel Williams è stata una di quelle danneggiate dal truffatorema anche per il documentario, per il quale ha appena avviato un’azione legale contro la piattaforma di streaming per diffamazione.

Chi è Anna? è basato su un articolo del 2018 sulla rivista di New York che racconta l’ascesa e l’eventuale caduta di Sorokin (Julia Garner) mentre truffava la società di New York per milioni di dollari fingendosi un’ereditiera tedesca. Nella serie, Katie Lowes (scandalo) interpreta Williams, che viene mostrato più che disposto ad accettare regali costosi e viaggi da Sorokinma alla fine tradisce la sua amica alle autorità dopo che l’hanno convinta a addebitare ingenti addebiti sulle sue carte di credito ma non le hanno rimborsato.

L’ex editor di foto di Fiera della vanità, nota per la sua relazione con l’artista della truffa Anna Sorokin, lunedì ha intentato una causa per diffamazione contro Netflix per la natura della sua interpretazione nel docudramma. La vera causa di Williams, depositata presso il tribunale federale del Delaware e ottenuta da Scadenza Hollywoodsostiene che quasi tutto ciò che riguarda il suo personaggio nella serie è stato inventato e la dipinge in una luce negativa, soprattutto perché lei il personaggio usa il nome e il cognome di una persona reale, insieme alle informazioni personali come la tua storia lavorativa e scolastica.

Netflix ha preso la decisione deliberata con scopi drammatici di mostrare Williams fare o dire cose nella serie che la ritraggono come avida, snob, sleale, disonesta, codarda, manipolatrice e opportunista.

Nella causa, Williams sottolinea alcune delle presunte imprecisioni della serie. Che cosa a volte pagava da bere con Delvey e altre volte divideva il conto, mentre la serie mostrava che Sorokin pagava tutto. In risposta a una scena che mostra Williams che lascia Sorokin in Marocco dopo che la sua carta di credito è stata rifiutata, Williams afferma di aver detto in anticipo a Sorokin che sarebbe partito presto per andare al lavoro.

Leggi  Quale data di uscita di Netflix? Un seguito pianificato?

“Williams non ha smesso di essere amica di Sorokin perché aveva problemi in Marocco, ma perché in seguito ha scoperto, al suo ritorno a New York, che Sorokin era un bugiardo e un truffatore le cui dichiarazioni e promesse avevano portato Williams a sostenere debiti per un valore di circa $ 62.000 per conto di Sorokin erano falsie che gli ha rimborsato solo $ 5.000 nonostante le numerose promesse di rimborsargli $ 70.000 per rendere conto dell’intero debito e dei costi di ritardo sostenuti”, si legge nella causa.

Una pretesa con un futuro?

Tuttavia, questa richiesta non sembra andare molto lontano. Chi è Anna? Si compone di nove episodi e all’inizio di ogni capitolo si legge: “Questa storia è completamente vera. Tranne le parti che sono totalmente inventate”. UN disclaimer dai produttori che sicuramente discuteranno a loro favore.

Inoltre, ha recentemente detto Rhimes in un’intervista a L’HollywoodReporter che “c’erano cose che abbiamo inventato perché era necessario inventarle affinché la storia possa davvero cantare ed essere ciò che doveva essere”.

Lascia un commento