fbpx

Carlos Soroa e l’esperienza di essere l’unico attore sordo nella serie ‘Welcome to Eden’ – News

Il 31enne spera che il suo ruolo nella fortunata serie Netflix porti più sensibilità e consapevolezza alla comunità dei non udenti.

“Spero che non rimanga di moda”. Ecco quanto è forte Carlos Soroa di fronte alla crescente visibilità della comunità dei non udenti nel mondo dell’audiovisivo, come nel film Marvel Eterni o il vincitore dell’Oscar CODA. L’attore sordo dalla nascita ha conquistato migliaia di telespettatori nelle ultime settimane con il suo personaggio dentro benvenuto nell’Eden. E dentro SensaCinema Abbiamo avuto l’opportunità di parlare con Soroa in modo che possa raccontarci la sua esperienza nel nuovo successo di Netflix.

Il suo ruolo di Eloy nella narrativa frenetica è la sua prima apparizione in una produzione importante. In precedenza ha partecipato film brevi Che cosa Sì a tutto, diretto da Roberto Pérez Toledo e un successo di visualizzazioni su YouTube. Si è anche esibito presso il National Dramatic Center interpretando il lavoro di Teatro Manuale di base della lingua dei segni per spezzare i cuori che ha un’esperienza piacevole.

Soroa è sempre stato chiaro sulla sua passione per il mondo della recitazione. studiato il scuola d’arte e, per mancanza di opportunità, il giovane decise di optare per la cucina. Ha studiato gestione della cucina presso la Scuola Superiore di Ospitalità e Turismo di Madrid, senza trascurare la sua passione per la recitazione.

Ora, Soroa è grato alla piattaforma di streaming per questa grande opportunità che gli hanno dato. Considera anche il suo personaggio “un’occasione per sensibilizzare sui non udenti, che a volte sembra che siamo nascosti perché non siamo visti. Siamo invisibili”. Qualcosa che la community apprezza:

La comunità dei non udenti è molto felice di vedere che esiste la lingua dei segni, di vedere che non sono solo io ma anche tutti gli altri compagni di classe la parlano. Sta dando sensibilità e quella consapevolezza

IL CASTING

Fin dall’inizio i creatori della serie, Joaquin Górriz e Guillermo López, erano chiari che Eloy sarebbe stato sordo. Per fare questo, la casa di produzione ha lanciato un casting per attori sordi attraverso un interprete. Soroa ha scoperto il casting “attraverso la pubblicità su Instagram e mi sono iscritto subito”. In totale, intorno 80 persone perché, come dice giustamente l’attore, “opportunità come questa non sempre si presentano”.

‘Welcome to Eden’: 6 domande a cui la serie Netflix risponderà ora che la stagione 2 è una realtà

Il primo test consisteva in un set video, poiché non era di persona a causa dell’emergenza sanitaria. Da lì, tutto ha seguito il normale percorso di un processo di fusione. “Quando finalmente mi hanno chiamato, non ci credevo, lo ero emozionato e molto felice È stato incredibile”, ricorda il giovane attore. Lo paragona persino alla lotteria:

Penso di essere stato ancora più eccitato che se avessi davvero vinto alla lotteria. Era un hobby che avevo da molto tempo e pensavo che non sarei stato in grado di portarlo a termine

Per Soroa, mettersi nei panni di Eloy è stato molto bello ed emozionante. “Mi ha reso felice poter interpretare il ruolo di un’altra persona che non sono, ma dalla quale ho potuto imparare molto”, dice l’interprete. Sottolinea anche che il suo personaggio è “alla pari con il resto dei suoi compagni che Non è che sia “sordo” ma piuttosto è molto normalizzato all’interno della trama”.

Leggi  Netflix pubblica un teaser per lo spin-off di Berlino

UNA RIPRESA MOLTO COMODA

Registrare una serie, e oltre a questa categoria, è stata una nuova esperienza per Soroa. Prima di entrare al volante delle riprese aveva le sue paure, “visto che non sapevo molto bene come avrei potuto comunicare perché non è sempre facile”. La produzione prevedeva a interprete accompagnare l’attore durante le riprese e insegnare linguaggio dei segni a tutta la squadra per facilitare il lavoro dell’attore. Ad esempio, ha raccontato Begoña Vargas durante la sua visita a il formicaio che aveva imparato la lingua dei segni. Qualcosa che l’attore apprezza ed evidenzia:

Alcuni colleghi hanno imparato molto bene e velocemente, sono stati bravissimi e gli piace molto. L’interprete ha insegnato loro la lingua dei segni in modo che potessimo comunicare ed è stato qualcosa che mi ha sorpreso perché era come un sogno

Nonostante il fatto che in alcune situazioni, quando c’erano molte persone, gli fosse più difficile seguire la conversazione, il giovane attore mette in evidenza il grande”sforzo compiuto dalla maggior parte degli attori”. “Nelle occasioni in cui l’interprete non poteva essere sul set a causa dei piani, i miei colleghi mi dicevano alcuni segnali in modo che fossi preparato e sapessi che stavamo iniziando”, sottolinea.

Per concludere, il 31enne crede che dopo il suo personaggio in benvenuto nell’Eden si aprirà una porta nel mondo della recitazione per la comunità dei sordi. “Mi auguro che con questo lavoro venga data una maggiore consapevolezza e che sceneggiatori, creatori… ne tengano conto e che i ruoli e le opportunità sorgono”, conclude Soroa entusiasta.

Se non sai cosa vedere e vuoi ricevere le anteprime nella tua email, iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia un commento