fbpx

‘Cardo’, Santa Teresa de Jesús e Diazepam, il viaggio di Maria tra paradiso e inferno nella seconda stagione

“Sì, sto benissimo”. Così risponde Maria a sua madre e a tutti quelli che le chiedono se sta bene. Lo fanno con un misto di genuino interesse, ma teso dal senso di colpa. Uno ad uno, gli amici che incontra di nuovo quando esce di prigione le dicono di essere dispiaciuti “per non esserci stata”, “per i sit-in”… Dopo tre anni, le vite degli altri sono andate avanti senza di leiE Maria insiste solo sul fatto che non è più la stessa che abbiamo visto nella prima stagione di Cardo.

Ma il problema è che non ha mai saputo veramente chi sia, perché è sempre stata definita dagli altri. Le persone intorno a lei hanno sempre avuto un’immagine di lei, sia per il suo aspetto, il suo carattere, quello che ha fatto o quello che non ha fatto. E Ora è “María, quella con la custodia della moto”. Per alcuni è lei che è stata in carcere per aver ucciso qualcuno, per essere stata drogata. Per altri, vittima del patriarcato, “Ti credo, sorella”, le dice uno sconosciuto a una festa, sentendosi una vera femminista.

L’unica cosa chiara a María è che a questo punto del suo viaggio ha deciso così Non sarà più chi era prima. Ora vuole essere buona. Dimentica se stessa. Fai cose per gli altri. Allontanati da tutte le tentazioni. essere un santo “Gli estremi non sono buoni, anche se è in virtù.”


Ana Rujas nella seconda stagione di “Thistle”

Non consuma più coca cola o alcool; nemmeno una canna. Ma durante la sua reclusione ha sviluppato una dipendenza per il Diazepam, il farmaco istituzionale che lo amministravano religiosamente mentre scontava la pena. “Vivo senza vivere in me e una vita così alta spero che muoia perché non muoio.”

La vita fuori dal carcere non è facile. È più difficile di prima. Si sente sola. È sola. Pensi di poter tornare nel mondo come se il tempo non fosse passato, ma il mondo ha continuato a girare, ed era bloccata. Il mondo ha continuato a girare e si muove sempre più velocemente. L’ansia raggiunge picchi insopportabili. Maria ha bisogno di mettere a tacere il rumore nella sua testa. Un altro diazepam. Un’ostia benedetta

Diazepam e Santa Teresa di Gesù.  'Cardo', parte 2.


Diazepam e Santa Teresa di Gesù. ‘Cardo’, parte 2.

“Niente ti turbi, niente ti spaventi, a chi ha Dio non manca niente”. Maria ripete come un mantra le parole di Santa Teresa di Gesù, perché Il libro della vita salvato il tuo. In realtà era Babbo Natalealtra figura materna, che, come Puri nella prima stagione, ha visto in Maria qualcosa che lei stessa non riesce a vedere: qualcuno che merita di essere salvato, qualcuno che merita di essere amato.

Maria aveva bisogno di una madre e Babbo Natale di una figlia. Babbo Natale era il suo angelo custode in carcere e ora Maria vuole ricambiare il favore. Fai un miracolo. Fare in modo che sua figlia le dia una possibilità e la perdoni, perché Babbo Natale è una brava persona e merita solo cose buone. Ma le buone intenzioni non bastano. Così come Dio da solo non basta. Non importa quanta fede hai o vuoi metterci.

[Ana Rujas: “En esta temporada de ‘Cardo’ nuestros principales referentes son nuestras madres, ambas tienen un homenaje”]

È stata rilasciata dal carcere, ma lei stessa si è rinchiusa in un altro. Intanto cerca di convincere tutti che sta bene, che è diverso, che adesso andrà tutto meglio. Anche se l’unica cosa di cui è sicura è che “la vita non è un letto di rose è una strada rocciosa”. Lo ripete più e più volte. Pensa quasi che sia per qualcosa, ma i pensieri invadenti gli fanno pensare che se la strada fosse davvero rose, sicuramente calpesterebbe tutte le spine, perché “la vita è una brutta strada notte in una cattiva locanda”.

Santa Teresa di Gesù e Diazepam. Paradiso e inferno. il bene e il male. La seconda stagione di Cardo travolge con le sue emozioni viscerali e con un sound design, una messa in scena e un’interpretazione brutale di Ana Rujas che rendono l’ansia e il dolore di María diegetici e quasi insopportabili.

Vedere come finisce il tuo viaggio non sarà un letto di rose, ma nessuno dovrebbe perderlo, perché la serie che già aveva sorpreso nel 2021 è tornata più matura ed è un esponente straordinario nella nostra fiction. Speriamo che Maria trovi la redenzione. E non debba mai dire, come santa Teresa di Gesù: “Ho commesso il peggiore dei peccati, volevo essere felice”.

‘Thistle’ è disponibile in Atresplayer Premium.

Archiviato in Atresplayer Premium, Serie e uscite cinematografiche, Serie spagnole

Leggi  Netflix mostra le immagini di "Se l'avessi saputo", la serie che è stata cancellata in Turchia per avere un personaggio gay

Lascia un commento