fbpx

Buzz Lightyear, Elvis, Black Phone… le nuove uscite cinematografiche del 22 giugno

Buzz Lightyear, Elvis, Black Phone… quali sono le uscite cinematografiche per la settimana del 22 giugno 2022?

Ogni settimana, Ecran Large fa il suo mercato nei cinema e seleziona alcune uscite e film da non perdere (per buoni o cattivi motivi). Con il ritorno di Buzz ma senza Woody, il ritorno del Re, Ethan Hawke che sequestra bambini e un incubo nella giungla colombiana.

ESCURSIONI CONSIGLIATE

elvis

Durata: 2h39

Di cosa si tratta : Elvis Presley, la sua vita, il suo lavoro, i suoi successi, le sue battute d’arresto, i suoi amori, i suoi rimpianti, la sua influenza e la sua morte.

Perché devi vederlo : Perché in fondo Baz Luhrmann ci è mancato un po’ al cinema e vederlo tornare con il film biografico del grande Elvis Presley è necessariamente promettente. Incoronato con un’accoglienza molto favorevole durante l’ultimo festival di Cannes dove è stato presentato fuori concorso, il lungometraggio merita piuttosto tutti gli elogi ricevuti. Perché l’australiano riesce pienamente a dare vita alla storia del re un festival visivo magniloquente, barocco ed euforico, mentre dipinge un ritratto piuttosto affascinante dell’America degli anni ’50 e ’70 (tra nascita del merchandising, manipolazione politica, ondata di razzismo…).

E se non sei particolarmente fan del gentiluomo, puoi almeno restare sempre fedele all’esibizione diAustin Butler nel ruolo del Re del Rock’n Roll. Il comico americano è la grande rivelazione del film, resuscitando l’icona di Presley con un mimetismo sconcertante. Quindi francamente, anche se il film è troppo lungo e la voce fuori campo del personaggio di Tom Hanks è insopportabile, questo ritorno di Luhrmann è un vero successo.

La nota widescreen : 4/5

BUZZ fulmine

Durata: 1h40

Di cosa si tratta : Nel 1995, il giovane Andy ha scoperto il suo film preferito, un’opera spaziale su uno Space Ranger che cerca di fuggire da un pianeta ostile. Ecco quel film.

Perché devi vederlo : Con la sua natura di film risultante dalla diegesi dei film Toy Story (tu segui ?), Buzz Fulmine avrebbe potuto accontentarsi di essere uno stupidamente meta oggetto per vendere sempre più giocattoli. Ma il lungometraggio di Angus MacLane è soprattutto un vibrante omaggio a una certa idea di cinema, capace di ispirare un immaginario collettivo. In tal modo, Buzz Fulmine attingere tanto Guerre stellari Quello 2001: un’odissea nello spazioprima di aggiungere una riflessività al posto della Pixar nella cultura popolare.

Tuttavia, il film soffre di una narrazione instabile e di una fastidiosa mancanza di assunzione di rischi, soprattutto dati i suoi personaggi secondari sottosviluppati. Ma come intrattenimento esotico e toccante, Buzz Fulmine rimane all’interno della media qualitativa della Pixar. Peccato che non sia di più.

La nota widescreen : 3/5

La nostra recensione di Buzz Fulmine

telefono nero

Durata: 1h43

Di cosa si tratta : Il giovane Finney Shaw viene rapito da uno psicopatico soprannominato The Seeker. In fondo alla cantina dove è tenuto prigioniero, pende un intrigante telefono nero. Il telefono squilla…

Leggi  Chi è la polvere da sparo? Quali sono i suoi poteri?

Perché devi vederlo : Perché è il grande ritorno all’horror di Scott Derrickson dopo un film molto inquietante Sinistro. Il regista aveva lasciato la pre-produzione dell’ultimo Dottor Strano per affrontare un progetto molto più modesto. Questo progetto è quindi Telefono nero, adattato da un racconto di Joe Hill. E se non raggiunge il livello di nervosismo del film del 2012, offre dei bei momenti di paurasoprattutto nel mezzo.

Ciò è in gran parte dovuto alla regia di Derrickson, che raffigura un’America rurale emarginata, e alla performance di Ethan Hawke, assolutamente terrificante nei panni del “Grabber”, anche se nasconde il viso da una maschera. L’intera faccenda non si affermerà come uno dei momenti salienti dell’horror americano dell’anno, ma ha ancora alcuni argomenti seri.

La nota widescreen : 3/5

La nostra recensione di Telefono nero

GIUNGLA ROSSA

Durata: 1h32

Di cosa si tratta : Nel marzo 2008, la più antica guerriglia comunista del mondo vive i suoi ultimi istanti nel cuore della giungla colombiana prima della morte di Raul Reyes, numero 2 delle FARC, ucciso in un bombardamento dell’esercito colombiano e della CIA.

Perché devi vederlo : Perché sicuramente non ci rivedremo mai più un film d’animazione singolare e rilevante come giungla rossa prima di un po’. Al di là della ricchezza della sua documentazione (che si basa su centinaia di e-mail inviate e ricevute da Raul Reyes), il lungometraggio riesce a raccontare la condizione umana di queste forze armate e del loro numero 2 senza cedere alla dicotomia non dipingendo il ritratto di un martire o di un mostro, ma quello più sfumato‘un uomo il cui spirito e la cui causa gli sfuggivanofino al punto di non ritorno.

L’animazione, che prima richiedeva riprese dal vivo su schermo verde, permette di trascrivere questa rottura con la realtà e regala al film tutta la sua dimensione onirica e da incubo. Alcune sequenze dai tratti minimalisti e dai colori sgargianti sondano lo spirito di Raul Reyes. La giungla nel frattempo è trattata come un personaggio più che un semplice sfondo per riflettere il suo stato mentale in deterioramento e stringersi attorno a lui come una morsa. Questo processo fissa un po’ di più il film il registro della narrativa allontanandosi dalla trattazione più fredda e fattuale dei film documentari che hanno già fatto il giro dell’argomento.

La nota widescreen : 3,5/5

Lascia un commento