fbpx

‘Buona fortuna, Leo Grande’, una grande Emma Thompson difende il sesso positivo e la prostituzione

“Le donne hanno subito il lavaggio del cervello per tutta la vita in modo che odiamo i nostri corpi. Tutto ciò che ci circonda ci ricorda quanto siamo imperfetti”, si è lamentata. Emma Thompson durante una conferenza stampa all’ultima edizione del Festival di Berlino. Gli inglesi hanno risposto così alla domanda su colui che è destinato a diventare il nudo più importante che ci lascerà nel 2022 nel cinema e in televisione. Per i prossimi giorni ci stancheremo di sentire quanto sia coraggiosa l’attrice.z per aver mostrato il suo corpo dopo i 60 anni. Buona fortuna, Grande Leone.un film che arriverà nelle sale spagnole e Movistar Plus+ contemporaneamente il 2 settembre, merita di essere ricordato per molto di più.

Sophie Hyde (autore di 52 martedìun dramma familiare premiato al Sundance e a Berlino nel 2013 su un’adolescente che scopre che sua madre vuole cambiare genere) e sceneggiatrice Katy Brand (incollato) sono alla base di una storia affascinante nel suo sviluppo tanto radicale nel suo approccio.

Nel 2022 non sorprende che venga pubblicato un film drammatico con il potenziale per diventare un fenomeno del passaparola sull’importanza del sesso positivo, ma è più sorprendente che siano due donne a firmare una difesa così forte e con argomenti – condivisi individualmente o meno – di un argomento controverso come la prostituzione.

Emma Thompson e Daryl McCormack in “Good Luck Big Leo”.

Thomspon interpreta Nancy, una donna di 55 anni che, dopo la morte del marito e il suo pensionamento da insegnante, vuole riprendere il contatto fisico con gli uomini e raggiungere il piacere sessuale che le è sempre sfuggito nel suo matrimonio. La donna assumere i servizi di Leo Grande (Daryl McCormack, un attore visto in Peaky Blinders che ha appena rilasciato il raccomandato sorelle a morte su Apple TV+), alias di una prostituta gentile, giovane, attraente e attento con cui si incontra in un albergo.

La strana coppia inizia a conoscersi a un livello più personale attraverso tre incontri sessuali che cambieranno per sempre il modo in cui Nancy vede la vita. Sulla carta, chiunque ci scommetterebbe Buona fortuna Leo Grande, una delle sensazioni dell’ultimo Sundance Festival, è la versione cinematografica di un’opera teatrale. Non è il caso, sorprendentemente.

Brand, un artista versatile con esperienza nel mondo della recitazione e della commedia, struttura questo commedia drammatica con un’architettura narrativa classica: tre atti, due attori, un palcoscenico e un epilogo, l’unico momento in cui la telecamera di Hyde lascia la stanza d’albergo dove si trovano Nancy e la prostituta. Nonostante la natura stessa del materiale, la proposta non viene mai divorata dalla sua intrinseca teatralità.

La chimica esplosiva di Emma Thompson e Daryl McCormack eleva

La chimica esplosiva di Emma Thompson e Daryl McCormack eleva “Good Luck Big Leo” ancora più in alto

Il dialoghi elettrici della coppiala costruzione millimetrica del conflitto di Nancy e il sapiente uso dello spazio (e i pochi strumenti narrativi non verbali di cui dispone il film, come i costumi che forniscono tante informazioni sull’evoluzione della protagonista nel suo percorso di accoglienza) fanno sì che non ti concentrerai mai su nient’altro che la straordinaria coppia protagonista che sono un’attrice britannica veterana e una promessa che ogni direttore del casting a Los Angeles e Londra dovrebbe scervellarsi in questo momento.

Leggi  'La casa del drago': cosa dice Aemond al drago Vhagar? - notizie di serie

Nelle mani del protagonista senso e sensibilitàNancy è una donna tanto intelligente quanto insoddisfatta, quanto delusa dagli altri (non sembra essere molto sicura di amare davvero i bambini a cui ha dedicato la sua vita) e frustrata con se stessa (al suo primo incontro con il gigolo si scusa per il tuo stato fisico).

È una donna caotica e rabbiosamente normale, ma irresistibile dall’altra parte dello schermo grazie alla naturalezza e al carisma che Emma Thompson imprime ogni volta che si trova davanti a una telecamera, che sia in un film, una talk show o una cerimonia di premiazione a cui arriva a piedi nudi e con un bicchiere di vino in mano. Quando la sceneggiatura, il personaggio e la regia accompagnano, come è il caso, lo troviamo un’interpretazione senza risposta.

Fragilità -come in quella scena in cui scoppia in lacrime dopo un primo incontro sessuale, ripetendo gli schemi di una vita di repressione altrui e propria- e caparbietà si alternano in una performance accattivante che dovrebbe essere presente nella stagione dei premi che sta per inizio. Come lo stesso Big Leo, Daryl McCormack capisce che questa è la storia del suo coinquilino. In procinto di compiere 30 anni, l’attore irlandese è empatico, seducente, comprensivo, sexy, divertente, sicuro di sé o fragile a seconda del momento, e con un’apparente mancanza di sforzo e impostura che sono disponibili solo per coloro che sono nati per agire.

'Buona fortuna, Leo Grande' osa difendere la prostituzione con una proposta sorprendentemente empatica.

‘Buona fortuna, Leo Grande’ osa difendere la prostituzione con una proposta sorprendentemente empatica.

Un altro dei grandi successi di Hyde come regista è il suo uso intelligente e misurato della nudità e del sesso in una storia che ha entrambi gli elementi al centro della sua storia. Quando arriva il necessario nudo di Thompson, Nancy ha già superato il resto delle barriere di fronte a lei e deve solo guardare prima se stessa e poi accettarsi. È un momento memorabile che costringe anche il pubblico ad abbracciare e ammirare la bellezza e la naturalezza di una vera donna, non la fantasia creata da Hollywood, i social media e un mondo selvaggio.

Buona fortuna, Grande Leone. è una delle grandi sorprese dell’anno per il suo approccio sincero alla sessualità femminile e alle zone d’ombra di una questione in eterno dibattito come la prostituzione, ma anche per aver osato raccontare la storia di una persona che, in procinto di entrare nel terzo atto della sua vita, si rende conto che è possibile per ripercorrere ciò che ha percorso e perseguire ciò che già riteneva irraggiungibile. Per qualcuno sarà un orgasmo, per altri la libertà di andare avanti per la prima volta nella vita. Anche quando sei una persona profondamente convenzionale, come Nancy, la consapevolezza di sé e la soddisfazione personale sono un viaggio alla portata di tutti. Con o senza rughe. Con più o meno anni o chili in più. In breve, non lasciarlo passare.

Lascia un commento