fbpx

Bruce Willis ha venduto la sua faccia per continuare a recitare nei film

Quando ha annunciato il suo ritiro nel marzo 2022, Bruce Willis ci ha detto che continueremo a vederlo nei film… ma non come pensiamo.

La carriera dell’attore è stata rosea (fino a un certo punto). Attraversato da grandi film come Il sesto senso, Pulp Fiction, Infrangibile, L’esercito delle 12 scimmie o trappola di cristalloBruce Willis ha concluso la sua carriera di attore, lasciando dietro di sé una triste fine della sua carriera con DTV ammuffiti.

Ma la cosa più triste in realtà è il motivo che ha motivato questa decisione. La star soffriva di afasia ed è diventato sempre più complicato da interpretare durante le riprese. Ma ora, contro ogni previsione, vedremo sicuramente di nuovo il volto dell’attore sullo schermo. Infatti, secondo Il Telegrafo, ha dato il suo consenso per un doppio digitale da utilizzare nei lungometraggi.

“Vedo persone che sono…normalmente in pensione.”

Questo strano miracolo (si fa per dire), lo dobbiamo a una nuova tecnologia chiamata deepfake. Questa innovazione è il risultato di una tecnica di sintesi multimediale in cui un’intelligenza artificiale sovrappone due file video. In questo caso specifico, servirebbe per mettere il volto del gentiluomo su un doppio.

Anche se la valle misteriosa è ancora lì, bisogna riconoscerlo i progressi nel deep-faking stanno bluffando sempre di più. In pochi anni, l’illusione sarà perfetta e impercettibile. L’attore ha visto questa rivoluzione con occhi bellissimi e ha già affidato la sua immagine alla compagnia americana Deepcake. Era anche apparso attraverso questo stesso processo in vari spot pubblicitari russi per MegaFon in cui il suo personaggio parlava persino russo.

L'esercito delle 12 scimmie: foto, Bruce WillisUna tecnologia che ha abbastanza per far impazzire

Se Hollywood ha già utilizzato questa tecnologia (pensiamo a Leia o Grand Moff Tarkin in RogueOnericreato digitalmente), Bruce Willis è il primo attore di Hollywood ad autorizzare la creazione e la diffusione di un avatar virtuale a sua immagine. Una decisione di cui sembra tutt’altro che pentirsi:

Leggi  Quale data e ora di rilascio?

“Mi piace la precisione con cui è stato ritratto il mio personaggio. Per me è una grande opportunità per tornare indietro nel tempo. […] Con le nuove tecnologie, anche se sono in un altro continente, posso lavorare e partecipare alle riprese. È un’esperienza nuova e interessante. Ringrazio tutta la squadra”.

Il quinto elemento: foto, Bruce WillisBruce gira i pollici mentre il suo sostituto è al lavoro

Il lavoro può essere una parola grossa, ma porta comunque tante domande per il futuro. Gli attori alla fine saranno sostituiti da controfigura e deepfake? Se non abbiamo la risposta, vedere questa tecnologia approvata da un attore famoso potrebbe segnare l’inizio della fine di un mestiere, del modo di fare film come lo conosciamo.

Ora ci chiediamo quando e in che cosa riaffiorerà il volto del pensionato. Il suo doppio digitale farà di nuovo dei bei film o sarà l’argomento dei prossimi nanari che hanno segnato la sua fine della carriera? E a lungo termine, la carriera di questo sostituto sarà migliore di quella dell’originale? Strane domande, si può immaginare, a cui il futuro darà sicuramente risposte.

Lascia un commento