fbpx

“Better Call Saul” smette di essere un gioco per Kim e Jimmy a metà della sesta stagione

Tre morti, segreti pericolosi, decisioni sbagliate e un confronto con le conseguenze delle proprie azioni è l’equilibrio che ci lascia prima metà della sesta stagione Meglio chiamare Saulocome ha già fatto Breaking Bade ultimamente Ozark o cose strane, ha diviso la sua ultima puntata in due parti. Fortunatamente, dovremo aspettare poco tempo per vedere la risoluzione, perché la serie tornerà a luglio.

fedele al suo stile, Meglio chiamare Saulo non è stato tentato di premere l’acceleratore per raggiungere la sua destinazione. Né per introdurre scene d’azione costanti che aumentino artificialmente il senso di pericolo. Non ne hai bisogno. Ogni mossa dei piani elaborati che i personaggi mettono in moto rappresentano la calma prima della tempesta. Uno che tutti sappiamo sta per cadere. E quando lo farà sarà devastante.

Dopo l’inevitabile morte di Nacho Varga, le due trame principali di questi primi sette episodi (dei 13 che avrà in totale) si sono concentrate su Kim Wexler e Lalo Salamanca, due personaggi che non abbiamo mai visto Breaking Bad. I loro destini iniziarono a convergere a metà della quinta stagione fino a raggiungere il momento decisivo che ci ha lasciato la fine della puntata 6×07in cui la tragica esecuzione di Howard per mano di Lalo è stato un triste effetto collaterale.

Kim Wexler e Saul Goodman nell’episodio 6×05 di “Better Call Saul”.

Durante questo primo semestre, Kim e Jimmy si sono dedicati alla realizzazione del piano con cui hanno cercato di manipolare e accelerare l’accordo Sandpiper che avrebbe intascato a Jimmy una cifra milionaria come commissione; soldi con cui Kim voleva creare uno studio legale per difendere le persone senza risorse. Un obiettivo lodevole che si è rivelato una grande bugia quando ha avuto l’opportunità di farlo passare per una via legale e ha deciso di rifiutarlo per terminare il suo gioco.

Un gioco estremo con cui volevano distruggere la reputazione di Howard. Un gioco non necessario che è stato divertente fino a quando non lo è stato. Un gioco sadico come Leopold e Loebcome disse loro Howard, gli studenti facoltosi che nel 1924 uccisero un uomo solo per dimostrare la loro intelligenza superiore commettendo il “crimine perfetto”, il vero caso a cui Hitchcock si ispirò La corda.

La resa dei conti tra Lalo Salamanca e Gus è stato divertente da guardare, ma la nostra ancora emotiva con la serie è sempre stata Kim Wexler e la costruzione e la decostruzione del suo personaggio sono state al centro della prima metà di questa stagione.

Leggi  gli X-Men potrebbero aver trovato il loro nuovo Professor X

Mentre l’abbiamo vista evolversi nella serie, abbiamo sofferto quello che pensavamo sarebbe stato il suo tragico destino. Davamo per scontato che sarebbe stato una vittima innocente nel grande gioco degli altrima ha dimostrato che, come Walter White, si è goduto ogni passo verso il lato oscuro senza pensarci due volte sulle possibili conseguenze delle sue azioni.

Lalo Salamanca e Howard Hamlin in

Lalo Salamanca e Howard Hamlin in “Meglio chiamare Saul” 6×07.

Il primo gli è esploso in faccia. Potrebbe non aver premuto il grilletto che ha ucciso Howard, ma sono state le sue azioni che lo hanno portato al suo appartamento e la sua decisione di non dire a Jimmy che Lalo potrebbe essere ancora viva che li ha colti alla sprovvista.

Qualunque cosa accada d’ora in poi, questo è un punto di non ritorno per lei e Jimmy a livello individuale (per Jimmy, questa è la seconda morte prodotta indirettamente da una delle sue mosse, l’altra era quella di Chuck) e cosa può rappresentare per la loro relazione.

C’è ancora molto in gioco negli episodi che restano per l’epilogo, in cui, come se non bastasse, mancano i cameo di Jesse e Walter White (che sarà sicuramente una delizia per molti fan), e si riprende anche la trama del futuro di cui non abbiamo ancora visto nulla in questa puntata.

Peter Gould e Vince Gilligan lo hanno assicurato quando la serie finirà non ci vedremo più Breaking Bad nello stesso modo. Non vedo l’ora di scoprire cosa significano, ma risolvendo l’enigma di Kim ho abbastanza incentivi per contare i giorni fino al suo ritorno.

‘Better Call Saul’ è disponibile su Movistar Plus+. Gli ultimi episodi tornano a luglio.

Altre recensioni in Serie e altro…

Lascia un commento