fbpx

Avatar 4 vedrà infatti la luce del giorno e le riprese sono già molto avanzate

La macchina Avatar è definitivamente lanciato per il prossimo decennio. Avatar 4 avrebbe già terminato parte della sua produzione, secondo Jon Landau.

L’odissea dei Na’vis de Pandora non ha smesso di stupire e affascinare le folle per i prossimi anni. Se dovessimo aspettare tredici anni prima che James Cameron ci desse finalmente il seguito del primo Avatar, i lavori sulle suite sono già iniziati. Con un’agenda già ben definita per il prossimo decennio, non si tratta più di restare indietro. I prossimi quattro film si stanno avvicinando rapidamente e le loro produzioni si stanno muovendo velocemente.

Solo la necessità di spingere indietro i limiti tecnologici del cinema con ogni film ha costretto la produzione a prendersi il suo tempo quando necessario. Avatar 3 sarebbe già chiuso (quasi) e, dal produttore Jon Landau, Avatar 4 progredire molto bene.

Durante una conferenza stampa al Busan International Film, tenutasi il 6 ottobre, Landau ha risposto a varie domande sulla saga Avatar. Dopo aver rivelato un estratto di 15 minuti daAvatar: Il corso d’acqua, ha così evocato la produzione delle persiane successive. Rispondendo alle domande, il produttore ha quindi sviluppato il caso diAvatar 4 :

Abbiamo completato la maggior parte della prima parte di Avatar 4, per ragioni logistiche. Abbiamo già disegnato tutto il film, ma non abbiamo girato tutto: solo il primo atto.

Nel 2021, Kate Winslet ha ammesso la sua confusione su quali film della saga saranno le sue scene. Visto da qui, l’intera ripresa sembra più un unico film gigantesco, con interruzioni. Ciò supporta le dichiarazioni di James Cameron che ha affermato di progettare il suo franchise come un’unica grande storia. Per questo motivo, non c’è da stupirsi che gli attori girino le loro scene con largo anticipo per i film che ci appariranno tra diversi anni, in modo che il tempo non giochi contro di loro.

Leggi  Il notevole cambiamento fisico del bambino più odiato di "The Walking Dead" (ma molto stimolante nella vita reale)

Sigourney Weaver, eterno grazie al personaggio di Kiri

Alcuni attori che partecipano a più aspetti della saga devono quindi investire in più progetti contemporaneamente, con l’unico vincolo che è la sfida tecnologica. È in particolare l’ambizione di offrire sempre immagini ed effetti speciali rivoluzionari per l’industria che spinge la serie di successo a gestirne con pazienza la logistica. Ciò è stato spiegato da Jon Landau alla conferenza, riferendosi alle immagini rivelate diAvatar 2 :

Non avremmo potuto ottenere ciò che avete visto oggi cinque anni fa, otto o nove anni fa. Avevamo bisogno di tempo per arrivare a questo livello.

Avatar: La via dell'acqua: fotoIl mondo che stiamo per scoprire

Dichiarazioni doppiamente positive insomma. Se James Cameron non rinuncia a fare l’ultimo Avatar, le riprese dovrebbero continuare a un buon ritmo, dando al tempo stesso alla tecnica il tempo di progredire e dare al franchise la possibilità di toglierci le retine ogni volta. In questi tempi di blockbuster da fast food, che subiscono ritardi dovuti a riprese intempestive e vagabondaggi di produzione (guarda cosa succede con Lama), la prospettiva della saga Avatar è qualcosa di cui gioire e dà una speranza furiosa.

Dopo il nuovo record battuto Avatar per il suo rilascio, stiamo aspettando con impazienza Avatar: Il corso d’acqua, previsto nei nostri cinema il 14 dicembre 2022.

Lascia un commento