fbpx

Aura Garrido, un’eroina in anticipo sui tempi in ‘Una questione privata’: “Non vedevo l’ora di fare una commedia”

Il Festival di Monte Carlo è attualmente la capitale mondiale della televisione. Dal 17 al 21 giugno attraverseranno il Principato di Monaco attori come Matthew Fox, Taylor Kitsch, Paige Spara, Taylor Kinney e David Hasselhoff. C’è spazio anche per la narrativa spagnola: una questione privatala prima collaborazione tra Video Amazon Prime Y Produzioni di bambùaspira a vincere la Ninfa d’Oro del concorso televisivo più importante d’Europa alla sua 61a edizione.

Jean Reno, Angela Molina e Aura Garrido si sono recati a Monte Carlo per presentare in anteprima un ambizioso romanzo poliziesco amatoriale in chiave comica ambientato in Galizia nel 1948. L’eterna Amelia di Il ministero del tempo In questa occasione, interpreta un’audace giovane donna dell’alta borghesia con l’anima di un agente di polizia, Marina Quiroga, che si propone di dare la caccia al serial killer che infesta la zona. Il suo più grande alleato sarà il suo maggiordomo, un uomo discreto e disponibile la cui sensibilità e audacia lo pongono sempre al centro delle indagini. Questa coppia atipica si batterà contro i pregiudizi del tempo e la resistenza delle autorità per assicurare il colpevole alla giustizia.

“Non vedevo l’ora di fare una commedia”, confessa l’attrice a il giornale specializzato in serie televisive e film a Monte Carlo. “Marina è un personaggio meraviglioso e mi sento molto fortunato a poter fare qualcosa di molto diverso e speciale. una questione privata È una produzione molto attenta. Amazon ha deciso di entrare molto forte.” La serie di avventure è il terzo contenuto Amazon Originals in Spagnaseguendo i passaggi di El Cid Y Temperanza.

all’orizzonte sono nessuna improntail dramma con tocchi di paella occidentale di Carlos de Pando e Sara Antuña, e regina Rossal’atteso adattamento del Best seller di Juan Gomez Jurado. Ora è il momento di parlare una questione privatauna produzione d’epoca ambiziosa che In arrivo su Prime Video il 23 settembre.


La nostra narrativa tende a vederti come un’eroina d’epoca, ma con una svolta inaspettata. C’è Amelia da Il ministero del tempo o i Matacura di Malnazidi. Cosa ti è piaciuto di Marina?

Il personaggio è una caramella, è incredibile. Per cominciare, desideravo fare commedie da anni, ed è qualcosa che Teresa sapeva. È incredibile come ricordi tutte le cose che gli dici. Non vedevo l’ora di passare alla commedia ed esplorare altri tipi di personaggi. Marina è molto speciale per molte ragioni, ma soprattutto per quell’essenza che la rende così diversa da tutto ciò che ha fatto prima. Quell’energia radiosa che hai. David Pinillos, il regista della serie, dice che si tratta di un “piccolo scoiattolo”.

Sono stato anche molto attratto dal punto di vista che ho visto in Marina e nella serie stessa. È qualcosa che era già presente nel primo copione. Poi ho capito che aveva tutto il senso del mondo. Da un lato c’era Teresa come produttrice a Bambú e dall’altro il team di Amazon, che era composto principalmente da donne. Ho capito che c’era una volontà, una coscienza e un punto di vista ben preciso e che si applicava in molte cose. All’inizio, per esempio, Teresa mi ha detto che questo personaggio è stato scritto come se dovesse diventare un uomo, e questo si percepisce nell’arco che ha o nel fatto che gli è permesso sbagliare, per esempio. Marina affronta un processo di apprendimento ed esplorazione in cui può provare cose e commettere errori senza diventare automaticamente un personaggio fallito. È ancora un’eroina con i bordi.

Un’altra cosa che mi è piaciuta è che fin dall’inizio hanno insistito sul fatto che non volevano fare un personaggio che ruotasse attorno a una storia d’amore. Ecco perché il maggiordomo è un uomo più anziano e hanno un’altra dinamica tra di loro. Se avessero messo un giovane attore accanto a me, il pubblico avrebbe pensato a una trama romantica e non era lì che volevano portare la serie. Tutte queste cose mi hanno davvero attratto verso il progetto.

Dietro le quinte di “Una questione privata”.

A modo suo, Teresa è un’autrice. La musica, il trattamento del tempo, la cura per i costumi o il design dei personaggi rendono la sua serie molto riconoscibile senza dover vedere nei titoli di coda che c’è dietro.

Teresa è una produttrice che ha una visione molto specifica delle cose. È molto chiaro per lei ed è qualcosa di personale per lei. Inoltre, è una persona molto coinvolta nei progetti che sviluppa, si innamora dei personaggi e delle loro storie. Ti racconta le vie di una cosa a cui è molto difficile dire di no. Hai un primo incontro con lei per parlarti di un personaggio, Marina in questo caso, e quando riattacchi il telefono sei dentro. Ti trasmette le cose in modo tale e con tale dettaglio che vuoi accompagnarla in quel viaggio. Prima di iniziare a provare, sia lei che David Pinillos avevano riflettuto insieme sull’essenza di Marina e su quale dovrebbe essere il suo percorso. È stato molto divertente continuare a cercarla tra noi tre in quel momento prima delle riprese.

L’altro tuo compagno di viaggio è forse il più inaspettato. Com’è stato condividere una scena con qualcuno come Jean Reno?

Lavorare con Jean Reno è stato molto bello perché ci siamo capiti molto bene fin dall’inizio. Mi ha accolto con grande affetto e si è preso cura di me in ogni momento. Mi sono sentito molto protetto stando con Jean, quindi è stato molto facile creare quella connessione e complicità che hanno Marina e Héctor. È una relazione che continua ad evolversi nel corso degli episodi, fino a raggiungere un posto molto bello. È stato un privilegio lavorare con qualcuno come Jean. Ho imparato molto solo guardandolo lavorare ogni giorno. Sono rimasto molto colpito da quanto sia specifico e da quanto bene legge tutti i personaggi. È una persona molto intelligente.

Leggi  il doppio di Van Damme, ma non più intelligenza

La squadra di 'Una questione privata', sul red carpet di Montecarlo.

La squadra di ‘Una questione privata’, sul red carpet di Montecarlo.

L’abbigliamento è un altro degli elementi che attirano più attenzione una questione privata. In che modo il lavoro di Pepe Reyes ha contribuito a plasmare Marina?

Gli abiti erano anche un altro dei dettagli che hanno plasmato il personaggio. Il suo guardaroba influenza anche il modo in cui cammina. Quando indossa i tacchi e una gonna a tubino, deve cambiare andatura se vuole andare veloce. C’è un punto di partenza su cui Teresa è sempre stata chiara e l’ho trovato molto interessante. In tutti i capitoli, Marina inizia con un personaggio perfetto che viene smontato, rotto e alterato per tutto l’episodio. È un concetto molto carino e dice molto sul personaggio.

Ogni costume di questa serie ha tre, quattro o cinque modifiche. Il team del guardaroba guidato da Pepe Reyes e Teresa ha creato quel mondo insieme. A volte era impossibile muoversi con loro. Mi hanno fatto un fallo al tubo e ho dovuto chiedere loro di aprirlo di cinque centimetri perché stavo letteralmente per cadere a terra. Molte volte è stato necessario far avanzare gli spogliatoi. Potremmo avere un vestito per quando sta camminando e il guardaroba deve essere perfetto. Poi abbiamo cambiato i semi per rendere possibili l’azione e il movimento. O per poter mettere dentro un’imbracatura, per esempio. Per farlo correre o saltare.

Hai fatto una serie con Bamboo quasi dieci anni fa, impero. Com’è stato incontrare di nuovo una società di produzione che ha la reputazione di prendersi così tanta cura degli attori?

È stato davvero bello collaborare con loro. Per me sono stati due progetti d’epoca, ma in realtà sono stati completamente diversi. Come dici tu, tra l’uno e l’altro è passato molto tempo. Sono cambiato molto e anche la mia carriera. In questi 10 anni Bamboo ha avuto anche una carriera incredibile. È stata la creatrice delle prime serie su diverse piattaforme: Netflix, Apple TV+ e Movistar Plus+. Nel caso di Amazon, ad esempio, è stato il terzo. La sua carriera è stata brutale e ha contribuito a rompere molti schemi in questo paese.

“Una questione privata” può essere vista su Amazon Prime Video dal 23 settembre.

Lavori come attrice da più di dieci anni. Credi ci siano dei parallelismi tra la tua carriera e quella di Marina, una persona che vuole dedicarsi a qualcosa che il suo ambiente non capisce? Ti è mai successo che ti sei reso conto che l’industria voleva qualcosa da te e che volevi seguire un’altra strada?

direi di no. Ci sono molte cose di Marina in cui mi identifico, ma forse non ho vissuto così tanto quella situazione. tanto per cominciare perché a casa i miei genitori mi hanno sempre sostenuto. Hanno capito cosa volevo fare della mia vita e mi hanno aiutato moltissimo. Sono sempre stati un supporto molto forte. A me non è successo come ad altri colleghi che hanno avuto genitori che non li hanno supportati nella loro decisione di fare gli attori.

Penso di essere una persona molto fortunata. Ho lavorato molto duramente per cercare di trovare il mio posto nell’industria, ma mi sento anche molto fortunato nei confronti dei personaggi, dei partner e dei progetti che mi sono venuti in mente. Quello che è vero è che, come tutti coloro che lavorano da qualche anno, ho vissuto tante cose. Inizi con tanta passione e innocenza e poi i chiaroscuri dell’industria ti sconvolgono le cose. Ho anche passato del tempo cercando di trovarmi all’interno di quel settore, indipendentemente da ciò che si aspettano o non si aspettano da me. Ho cercato di lavorare per scoprire cosa voglio, cosa mi sembra buono e cosa no, dove sono disposto ad andare e dove non lo sono.

Ho dovuto imparare a dire di no e a chiedermi cosa volevo veramente. Recitare è una carriera in cui puoi passare troppo tempo a chiederti cosa vogliono gli altri da me, e anche sapere cosa voglio è importante. Sono ancora in quel processo, ma inizio ad avere un’idea più chiara di dove voglio posizionarmi e dove non voglio. È una cosa che mi capita come attrice, ma credo si possa estendere ad altre professioni. Quando hai una vocazione ammiri tutti e arrivi con la voglia di fare tutto e di rendere felici le persone, ma poi le cose sono più complicate. Nel bene e nel male. Penso che in un certo senso sia un viaggio che Marina stessa finisce per vivere.

Lascia un commento