fbpx

Amazon stava valutando altre serie prima di “Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere”, incluso il ritorno di due amati personaggi della trilogia originale

I creatori della prima serie basata sui libri di Tolkien spiegano che c’erano “dozzine di persone” che proponevano idee per l’ambizioso progetto in cui Prime Video aveva investito ingenti somme di denaro.

È stata una lunga strada prima che la Terra di Mezzo non fosse finalmente in grado di espandersi nel regno della serie. L’acquisto dei diritti de Il Signore degli Anelli da parte di Amazon per dare più potere al catalogo di Primo video è venuto anche con a enorme pressione per trovare la serie giusta di cui continuare l’eredità J. R. R. Tolkien sullo schermo.

Il Signore degli Anelli: The Rings of Power era la serie che ha finalmente convinto i responsabili dei contenuti della piattaforma. Non per questo era l’unico che era in considerazione di essere sviluppato. Alla fine, non paghi circa 250 milioni per i diritti di adattamento più altri cento milioni per la produzione e vai con la prima idea che ti viene in mente.

Questo è stato spiegato dal duo di creatori JD Payne e Patrick McKay, che alla fine sono stati i vincitori di una strana guerra di proposte in cui dozzine di scrittori hanno dato idee. E tra queste idee sono stati esplorati i ritorni di due dei personaggi più amati della trilogia originale di filmche sarebbe stata una sfida difficile.

Quando ci siamo presentati per la prima volta per il lavoro, ci è stato detto che c’erano letteralmente dozzine di persone che stavano anche lanciando i loro cappelli sul ring, e stavano arrivando tutte con cose diverse. Amazon ha acquistato i diritti della trilogia, delle appendici e dello Hobbit. Dissero che il terreno era aperto, che qualsiasi storia poteva essere raccontata all’interno di quel materiale. Quindi c’erano persone che proponevano la serie Young Aragorn, o lo spin-off di Gimli, o altro genere di cose

Non è la prima volta che un ritorno del personaggio di Viggo Mortensen suona forte. Anche quando The Rings of Power era in preparazione, ambientato prima degli eventi dei film, si diceva che avremmo visto un giovane Aragorn, ma alla fine non è andato da nessuna parte. E mentre quei progetti nostalgici avrebbero catturato l’attenzione dei fan, sarebbero durati un paio di stagioni e Amazon stava cercando qualcosa che potesse funzionare anche per cinque stagioni.

Volevano fare qualcosa che fosse degno di Tolkien. E mentre ci riflettevamo, esaminavamo il materiale e osservavamo tutti i tipi di storie diverse: la storia della Seconda Era, l’Oscuro Signore Sauron e la Caduta di Númenor, e la lotta contro Sauron sul Monte Fato. Quell’arco degli eventi principali della Seconda Era sembrava una storia incredibile, che non era stata raccontata

Basato sulle opere di JRR Tolkien, Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere è ambientato durante la Seconda Era e copre i principali eventi di quel periodo: l’ascensione di Sauron; la forgiatura degli Anelli del Potere, che il Signore Oscuro ha donato a umani, elfi e nani per controllarli segretamente con il suo anello da maestro (noto anche come l’Unico Anello per Domarli Tutti); l’ascesa e la caduta di Númenor, l’Isola degli Uomini da cui discende Aragorn; e l’Ultima Alleanza di Elfi e Uomini in una battaglia finale contro Sauron.

Leggi  Nations League: Ungheria

La Serie Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere sarà presentato in anteprima Primo video il prossimo 2 settembre.

Lascia un commento