fbpx

“Alicent oggi sarebbe come una donna pro Trump, è un prodotto del patriarcato”

Il secondo episodio di la casa del drago ha riunito ancora una volta milioni di spettatori su HBO e HBO Max, superando il record che aveva stabilito alla sua prima. Ha anche cambiato le regole del gioco nella Fortezza Rossa e il rapporto tra Rhaenyra Targaryen e Alicent Hightowerpersonaggi centrali di questa storia, che hanno visto come il loro legame si è completamente trasformato in un secondo.

Una delle principali novità introdotte dall’adattamento in relazione al libro fuoco e sangue di George RR Martin è stato quello di togliere qualche anno al personaggio di Alicent renderla contemporanea a Rhaenyra. Così, tra loro si è stabilito un legame molto stretto perché sono cresciuti insieme, una decisione saggia perché iniziamo a vedere le drammatiche conseguenze di questa decisione quando Viserys ha annunciato chi sarebbe stata la sua nuova moglie e daranno il tono al resto della stagione.

SERIES & MORE è stato in grado di parlare con Milly Alcock ed Emily Careyresponsabile di aver dato vita all’erede al trono di ferro e alla nuova moglie di re Viserys nella prima metà di questa puntata, una conversazione in cui hanno parlato dei loro sentimenti durante la lettura della sceneggiatura e la visione del primo episodio della serie, di il rapporto tra i loro personaggi, il patriarcato a Westeros e le somiglianze tra Rhaenyra e Daenerys.

Rhaenyra e Alicent nel primo episodio de “La casa del drago”.

Qual è stata la tua prima impressione quando hai letto il copione pilota?

Emily Carey: Sarò onesto, ho dovuto leggerlo tre volte prima di poter capire il mio personaggio o anche cosa stesse succedendo nella storia. Ho letto la sceneggiatura prima di averne visto uno Game of Thrones e tutti i nomi dei personaggi e dei luoghi mi suonavano simili e non capivo davvero cosa stesse succedendo, quindi la mia prima impressione è stata travolgente, perché mi ci è voluto un po’ per superare quella che si potrebbe definire una barriera linguistica occidentale. Ovviamente, una volta superato, tutto era molto diverso. Sto ancora elaborando il fatto che mi è stata data l’opportunità di interpretare Alicent, è un personaggio molto speciale.

Milly Alcock: Nel mio caso devo confessare che fino a quando non ho letto la sceneggiatura non mi ero reso conto dell’importanza del ruolo di Rhaenyra nella storia. Quando ho letto il primo episodio, sono rimasta senza fiato perché mi sentivo così privilegiata di avere quell’opportunità.

“Per quanto ti prepari, succede qualcosa di magico quando indossi i vestiti del personaggio e interagisci con altri attori”

Emily Carey

A che punto hanno cliccato e si sono sentiti come se avessero capito i loro personaggi?

Milly Alcock: Per me il momento in cui tutto è scattato è stato in una scena con Paddy Considine. Ricordo che dopo aver girato con lui come padre e figlia ho trovato Rhaenyra. Durante le riprese scopri costantemente cose nuove sul tuo personaggio e rimani sorpreso dalle loro decisioni e da come ciò influenzi le decisioni che prendi come attore.

Emily Carey: Abbiamo fatto le prove, incontri faccia a faccia con Miguel e Ryan e molto tempo per prepararci, ma anche se pensavo di conoscere Alicent, è stato solo quando abbiamo iniziato a girare che i pezzi hanno iniziato a sistemarsi. Per quanto ti prepari, succede qualcosa di magico quando indossi i vestiti del personaggio e interagisci con altri attori sul palco. Mi sentivo come se stessi scoprendo di più su Alicent più giravamo. Nel libro ci sono pochissime righe su chi è, ma nella serie è un essere umano completo e complesso.

Penso che Alicent sia uno dei grandi personaggi della serie. Ci sono state alcune scene in cui non sapevo nemmeno cosa stessi pensando e Miguel ha detto: “Ok, non scegliere e fare quante più versioni possibili che sembrano giuste al momento”. È stato un processo molto speciale perché non avevo mai avuto la libertà di poterlo fare prima, è stato affascinante giocare con il cervello e le emozioni di qualcuno in quel modo.

Rhaenyra e Alicent nei giardini della Fortezza Rossa.

Rhaenyra e Alicent nei giardini della Fortezza Rossa.

Milly Alcock: La verità è che quando sei vestito con costumi e parrucche, all’improvviso tutto ha un senso. Non ho dovuto sforzarmi così tanto per essere Rhaenyra perché l’ho vista presentata a me immediatamente. Non riuscivo a riconoscermi quando ero vestito e con i capelli come Rhaenyra, quindi questo mi ha dato molta libertà di comportarmi in modo completamente diverso, di muovermi per il mondo in modo completamente diverso.

Emily Carey: Sì. I vestiti che indossiamo ti tirano letteralmente indietro le spalle, così hai immediatamente quella postura distinta, come se fossi venuto da un luogo di ricchezza. Il costume ha un’enorme quantità di dettagli, è molto intricato, sono rimasto sbalordito quando ho indossato per la prima volta il costume finito. Come dice Milly, diventi immediatamente un’altra persona, il tuo personaggio ti abita.

“Nonostante tutto ciò che hanno in comune, il legame tra loro si è spezzato perché un uomo ha fatto una scelta”

Milly Alcock

In ‘Game of Thrones’ non avevamo un’amicizia femminile come la tua, che importanza pensi che abbia per il tuo personaggio?

Leggi  Riconciliazione tra Kerem Bursin e Hande Erçel? Il bel gesto dell'attore che potrebbe unirli di nuovo - Tg serie tv

Milly Alcock: Per Rhaenyra è stato decisivo avere Alicent nella sua vita. Entrambi hanno condiviso molte esperienze simili, come la perdita prematura della madre, sia dopo aver ricevuto un’istruzione che appartenendo alla classe superiore. Sono in un’età interessante in cui come donne, purtroppo, sono costrette a competere. Mi ritrovo ancora a volte a cadere in quella trappola, perché viviamo con l’impressione che ci possa essere solo uno di noi e che dobbiamo essere sempre eccezionali.

La cosa più triste della relazione tra Rhaenyra e Alicent è che, nonostante tutto ciò che hanno in comune, il legame tra loro si è rotto perché un uomo ha fatto una scelta.

Uno dei temi centrali della serie è come il sistema patriarcale influisca sulle donne di Poniente, come vedi il tuo personaggio nell’attuale contesto sociale e politico?

Emily Carey: Qualcosa che è emerso negli incontri un paio di volte è che abbiamo descritto Alicent come qualcuno che sostiene qualcosa che è chiaramente contro di lui; oggi sarebbe una donna pro Trump, è un prodotto del patriarcato. Penso che sia un personaggio interessante e complesso, consapevole delle sue contraddizioni e del contesto in cui vive. I temi della serie dialogano al 100% con il mondo in cui ci troviamo adesso.

Alicent Hightower con suo padre, Otto.

Alicent Hightower con suo padre, Otto.

È facile pensare a Daenerys la prima volta che vediamo Rhayenyra, pensi che possiamo trovare somiglianze tra i due personaggi?

Milly Alcock: Penso a Daenerys come alla nonna di Rhaneyra, anche se è nata dopo, perché l’ho incontrata per prima, quindi è un riferimento. Possiamo confrontarli semplicemente per il fatto che le loro circostanze sono le stesse. Inoltre, il modo in cui vedono il mondo è abbastanza, abbastanza simile: si interrogano continuamente, sono costantemente costretti a dimostrare di cosa sono capaci ed entrambi hanno un cuore molto grande.

Ma alla fine, ciò che è diverso è che per Rhaenyra essere regina è una possibilità tangibile perché è stata nominata erede e poiché i Targaryen sono all’apice del loro potere, quindi incontra meno resistenza di Daenerys. Almeno sulla carta.

Emily Carey e Milly Alcock in

Emily Carey e Milly Alcock in “La casa del drago”

Ricordi cosa hai provato quando hai visto il primo episodio o la prima immagine della serie?

Milly Alcock: È un cocktail di emozioni del tutto indescrivibile. Orgoglio, felicità, paura e tanta autocritica perché pensi a tutto ciò che avresti potuto fare meglio. È difficile vedere il tuo lavoro, ma non lo scambierei per il mondo.

Emily Carey: La prima immagine della serie che ho visto è stata la prima che ho scattato, ma non è nel taglio finale. È stato il primo che Milly ed io abbiamo girato. Ricordo che chiesi di vederlo perché ero emozionato e incuriosito. Quando hanno colpito il gioco, tutto si è fermato. Era solo un’inquadratura ampia di noi due che ci abbracciavamo, ma mi ha fatto venire voglia di piangere, e non potevo dire se fossero lacrime di felicità o di sopraffazione, se ero terrorizzato o se ero commosso dall’immagine davanti da parte mia, non ne sono sicuro.

So che quando ho visto l’intero primo episodio ero molto emozionato, stavo singhiozzando. I sentimenti sono tanti ed è difficile cercare di esprimerli con le parole; c’è adrenalina, sei eccitato, orgoglioso di vedere il tuo lavoro e quello di tutta la squadra, ma anche pietrificato perché è allora che pensi a tutte le persone che lo vedranno e all’enorme grandezza di tutto questo.

Entrambi provengono da una generazione cresciuta con i social network, ti ​​senti preparato per il livello di visibilità che arriverà con la serie?

Emily Carey: Quando diventi parte di un progetto di questa portata non c’è nessuno che possa prepararti per il tipo di esame a cui ti esponi, non lo sai finché non lo sperimenti. Nonostante le sfide e gli svantaggi del networking, mi piace avere una piattaforma in cui condividere le cose. Sono un grande sostenitore della salute mentale e penso che ci sia uno stigma attorno a queste cose, quindi uso i media come strumento di sensibilizzazione e anche per dimostrare che sono una persona normale dietro i personaggi che interpreto.

Ma sto anche imparando a fare un passo indietro. C’è una differenza tra nascondere le cose agli occhi del pubblico ed essere privato, ed è qualcosa che come donna di 19 anni sto ancora imparando a navigare.

La casa del drago’ è disponibile su HBO Max.

Lascia un commento