fbpx

Aborto spontaneo: Meghan Markle, Britney Spears e Sharon Stone infrangono la legge del silenzio

Di recente, mentre la ballerina australiana Peta Murgatroyd (in una relazione con la ballerina ucraina Maksim Chmerkovskiy) ha confidato di aver attraversato questa prova, l’attrice Sharon Stone ha reagito a questa testimonianza: “Noi donne non abbiamo un forum per discutere la profondità di questa perdita. Ho perso nove figli per aborto spontaneo. Non è un’impresa da poco, né fisicamente né emotivamente, eppure ci viene fatto credere che sia qualcosa da sopportare da soli e in segreto, con una sorta di senso di fallimento. Invece di ricevere il supporto, l’empatia e la guarigione di cui abbiamo bisogno“.

Meghan Markle, duchessa del Sussex e moglie del principe Harry, che da anni si batte per i diritti delle donne, aveva raccontato a lungo la sua esperienza sulle colonne del New York Times. Una storia commovente e senza precedenti, che è stato fondamentale condividere per lei.

Qualche settimana fa, siamo passati dalla gioia al dolore, quando Britney Spears, incinta del suo terzo figlio, ha finalmente annunciato di averlo perso pochi giorni dopo. “Questo è un momento devastante per qualsiasi genitore“, hanno scritto la pop star e suo marito Sam Asghari su Instagram.

Laure Manaudou, Lou Doillon, Amel Bent, Marlene Schiappa, sono ancora numerosissimi ad aver diffuso la voce su questo argomento. Rivelazioni intime, profonde, a volte terapeutiche, e così preziose per tutti coloro che le vivono in segreto.

Non ci sono regole, supporto a volte molto/troppo leggero, e spesso nessuna spiegazione scientifica per queste perdite, motivo per cui sono difficili da accettare, da capire. Alcune buone pratiche possono, tuttavia, ridurre il rischio di aborto spontaneo.

Leggi  Shakira accusata di evasione fiscale: richiesti 8 anni di reclusione contro il cantante!

La vitamina B9 (meglio conosciuta come acido folico) è un nutriente essenziale che previene molte complicazioni, motivo per cui i medici la prescrivono non appena si desidera rimanere incinta sotto forma di integratore alimentare. Infatti, la sua assunzione prima del concepimento ottimizza la qualità degli ovuli e una volta incinta, la vitamina B9 svolge un ruolo fondamentale nella formazione del sistema nervoso dell’embrione.

In Francia, il marchio di integratori alimentari Boome offre un complesso vitaminico arricchito con vitamina B9 naturale al 100%. Una composizione trasparente e comprensibile, alternativa all’acido folico sintetico, spesso poco assimilato.

Ovviamente, l’integrazione è associata ad una dieta varia ed equilibrata. La vitamina B9 è presente anche in molti alimenti (verdure a foglia verde, melone, fegato di vitello…). Per ulteriori informazioni, una guida alla gravidanza e agli integratori alimentari è disponibile qui.

E se sei una di quelle statistiche delicate (il 15% delle gravidanze termina nel primo trimestre), stai tranquillo: non sei solo.

Lascia un commento