fbpx

5 differenze tra i dinosauri di Spielberg e il romanzo

Jurassic Park è stasera alle 21:15 su TMC.

Film d’avventura leggendario di Steven Spielberg, Jurassic Park con Laura Dern, Jeff Goldblum e Sam Neill è anche l’adattamento di un bestseller di Michael Crichton. Quali sono le principali differenze tra queste due opere che hanno riempito l’immaginazione di milioni di persone con i sauri selvatici?

“Benvenuto nell’articolo di Jurassic Park”

INIZI MOSTRUOSI

Per aprire il suo film, Steven Spielberg ha scelto di evacuare completamente l’inizio del testo di Michael Crichton, per offrire un puro esercizio di stile, la cui logica interna rimanda direttamente alla Denti di mare. Narrazione come il trasferimento di un rapace si trasforma in una tragedia, nonostante le misure di sicurezza del parco, l’apertura del filmato gioca con le aspettative dello spettatore, senza mai fargli vedere ciò che costituisce l’attrazione principale del film: i dinosauri.

Un misto di brutalità, montaggio teso e una gestione dello spazio vicina alla perfezione, questa introduzione ci ricorda quanto Steven Spielberg, autore di spettacoli dalle proporzioni erculee, rimanga un tecnico esperto, maestro dei suoi effetti, anche quando sceglie di suggerire piuttosto che mostrare. Il risultato è prima una scena enigmatico, poi ricco di suspensefino a un’esplosione di sorda e arbitraria violenza, che lascerà intravedere alla femmina del velociraptor solo un paio di artigli e un occhio, che immaginiamo impazienti di uccidere di nuovo.

FotoAncora una delle scene più grandi degli anni ’90

Ma nel romanzo, l’inizio dell’avventura era piuttosto diverso. Non è un lavoro da tecnico selvaggio che richiede un audit di Jurassic Park nel libro, ma una serie di inquietanti incidenti in Costa Rica. Vengono avvistati rettili di proporzioni assurde, mentre attacchi di animali bizzarri si verificano con frequenza crescente. Il lettore avrà diritto a una buona dose di brividi quando verrà evocato come un bambino, lasciato incustodito per alcuni secondi nella sua carrozzina, sia stato mangiato da quello che suppone essere compsognathus. Questa scena avrà ispirato l’introduzione del secondo film: mondo perduto.

Questa apertura delle ostilità è molto più ambigua di quella del film, gioca su un’ansia più diffusa. Ma soprattutto mette questo primo volume in una situazione in cui i blockbuster finiranno anni dopo, poiché l’arrivo in massa dei dinosauri nel continente non avverrà prima Mondo giurassico: regno caduto.

FotoCi sono voluti anni per arrivarci

MALCOLM IN MEZZO

Il personaggio di Ian Malcolm è stata una delle rivelazioni di giurassico Parco prima del nome. Fonte inesauribile di meme, interpretata alla perfezione da Jeff Goldblum, è uno dei rari personaggi a farlo alleggerire la narrazione con battute prodigate e buone parole. E come spesso negli anni ’90, il suo interprete gli dà un’energia pedagogica e giocosa davvero strabiliante, che consente alla sceneggiatura di usare il suo personaggio per spiegare molti problemi.

Infatti, nonostante le digressioni di John Hammond, o il famoso cortometraggio animato in forma di documentario che solleva il velo sulla resurrezione dei dinosauri, molte delle questioni tecnologiche e filosofiche del film sono rese accessibili dall’interpretazione completamente elettrica dell’attore. . Una sorta di specchio rovesciato di Alan Grant, isolaè ancora uno dei volti più noti della saga.

Foto Jeff GoldblumUn uccello minaccioso, salvato da Spielberg

Non è lo stesso con Michael Crichton, è anche un brillante matematico, ma molto meno simpatico. Anche Ian Malcolm viene ferito lì alla fine del primo terzo della storia, ma il suo incidente non ammorbidirà il personaggio, anzi. Arrogante e pedante alla base, la morfina non farà che aggiungere fatalismo a questo protagonista, le cui analisi o delusioni punteggiano la narrazione di acidità.

Allo stesso modo, se lo scrittore ha scelto di riportarlo in vita per il secondo volume intitolato Il mondo perdutosuo giurassico Parco soffriva di qualsiasi ambiguità sul destino di Malcolm. Senza cure, quest’ultimo sarebbe morto per le sue ferite, una morte lenta e dolorosa. L’autore tuttavia riconsidera questa decisione, spiegandola questo povero Ian era finalmente solo in un piccolo coma delle famiglieper far coincidere più precisamente il suo secondo volume con il suo adattamento, sempre firmato Spielberg.

Foto Jeff GoldblumUna ferita non tanto fatale

NESSUNA VIOLENZA, SONO FESTE

Spielberg ha sempre saputo combinare idealmente suspense, tensione, con le esigenze di un grande spettacolo per famiglie, e giurassico Parco è un esempio trionfante. Perché se il film non è avaro di brivido, contando alcune morti e un lavoro straordinario, rimane soprattutto una favola epica di famigliache pensa agli spettatori come a un grande gruppo che cerca costantemente di riunire per imbarcarli a bordo di un’epopea che risuonerà con tutti.

La scena introduttiva di cui sopra è un eccellente esempio di come il regista lavora per fornire filmati impressionanti, il che mette i nervi del pubblico tesi, senza costringerlo a digerire immagini eccessivamente grafiche, né a rappresentare frontalmente la violenza. Nel resto del film i personaggi vengono ovviamente masticati, ma a parte una manciata di effetti shock (orribili o comici, con colpi di gabinetto o braccia strappate), la telecamera preferisce non registrare le torture direttamente dalle vittime.

Leggi  recensione senza relax, ma con il cuore su Netflix

Foto Richard Attenborough, Jeff Goldblum, Sam Neill“Morirete tutti!”

Michael Crichton non ha seguito affatto questa logica. Il suo romanzo non mirando ad essere letto dai bambini, ha saputo dare libero sfogo a un certo sadismo, e il suo bestseller non lesina mai sull’intensità della violenza e sulla brutalità degli abusi praticati dai dinosauri. . Il testo sottolinea la carne viziata e tagliuzzatae i velociraptor non esitano a sventrare le loro vittime. A riprova della morte del dottor Wu, genetista che finisce per essere divorato vivo dai predatori più feroci del parco, ancora coscienti mentre si nutrono del suo intestino.

Ma anche le creature preistoriche non vengono risparmiate e il romanzo a volte torna con giubilo al loro destino. Questo è il caso quando Muldoon polverizzare un rapace con un lanciarazzi e che il testo descrive questa esplosione molto cruenta che lancia in aria la metà superiore dell’animale.

Foto“Ha detto papà o bazooka?”

FALLO HAMMOND

A Spielberg, il miliardario John Hammond lo è un creatore frustrato, combattuto tra un puerile desiderio di creare e le conseguenze delle sue ambizioni. Un’equazione che ritroveremo più volte con il regista, fino a tempi recentissimi Giocatore pronto uno. Nel blockbuster, i sogni dell’industriale della genetica, la sua irresponsabilità, hanno conseguenze terribili, ma sono comunque il risultato di un sogno francamente innocente.

Non per niente spetta al grande Richard Attenborough interpretare il personaggio, al quale infonde un commovente candore e onestà. Nella scena in cui descrive a Ellie i suoi inizi e la magia che circondava il suo circo delle pulci, il film ci dà l’opportunità di cogliere tutta l’ingenuità che presiede alle sue azioni.

FotoRichard AttenboroughGenio goffo o capitalista avido?

Non c’è niente nel giurassico Parco di Crichton, dove Hammond è un personaggio cinico imprenditore molto più “classico”. Non interessato alle vite umane che il suo progetto abbia messo in atto, addirittura spazzato via, vede il suo parco divertimenti come una massiccia fonte di reddito, di cui difficilmente intende privarsi. Anche quando la situazione peggiora, quando i suoi dinosauri iniziano a divorare i suoi ospiti, rimane estremamente distante, arrogante, sicuro dei suoi diritti e della sua onnipotenza.

E questo è ciò che porterà alla sua caduta. Nel romanzo, l’industriale si isola dai sopravvissuti per monologo sui suoi piani per aprire un nuovo parco meno costoso con dipendenti più umili, quando un ruggito di tirannosauro registrato lo sorprende e lo fa cadere in un piccolo burrone. Si rompe lì caviglia, prima di essere aggredito e poi divorato da un branco di compsognathus.

concept artMorsi d’acqua

NEL MEZZO SANGUE UN FIUME

Il tirannosauro è uno dei protagonisti del film di Steven Spielberg, presente dal logo del filmato, a uno degli ultimissimi scatti iconici del film, che immortala l’incoronazione dei rettili preistorici. Dall’attacco alle auto mentre scappa dal suo paddock, all’inseguimento della jeep, al picchiare gallimimus o al climax, è la creatura più mitica del blockbuster. Ma Michael Crichton aveva immaginato una scena aggiuntiva con il terribile predatore.

Dopo essere stati isolati dai loro compagni durante l’interruzione di corrente, il professor Grant, Alex e Tim navigano lungo un fiume e si imbattono in molti dinosauri diversi. Tra loro c’è il T-Rex, che decide di farli diventare le sue quattro, dopo essere stato disturbato durante il pisolino. L’animale ha dovuto seguirli nel fiume nuotando e poi attaccarli. Intensamente spettacolare, la scena è una delle più cinematografiche del romanzo.

storyboardUno storyboard che non ha mai visto la luce

Ma lo sceneggiatore David Koepp ha rivelato nel podcast Rimiscela nel giugno 2020 che il regista aveva subito deciso di farne a meno:

“Eraè stato cancellato molto presto. Così tanti elementi erano già sfide estremamente complesse e richiedevano l’invenzione di nuove tecnologie per filmarli. È stata l’idea di aggiungere dell’acqua che ha messo fine a Mr. Jaws. Era già abbastanza brutto così com’era.

Immaginiamo che dopo l’incubo tecnico del Denti di mare, Steven Spielberg probabilmente non era ansioso di immergere i dinosauri. Tuttavia, questa scena del romanzo ha ispirato direttamente un’attrazione all’Universal Park negli Stati Uniti, ma anche alcuni passaggi del gioco. giurassico Parco su Megadrive, dove il giocatore ha dovuto scappare dal teropode superpotente nel sole al tramonto.

Lascia un commento