fbpx

3 serie in anteprima consigliate da guardare questo fine settimana su Netflix, HBO Max e Disney +

È venerdì, il momento di rivedere le novità che portano le liste dei film e di pianificare comode sessioni di maratona sul divano di casa con l’offerta di piattaforme di streaming. Per quelli di voi che scelgono il piano fatto in casa, vi portiamo noi tre prime serie da scoprire il weekend dal 14 al 16 ottobre.

Per i fan dell’horror psicologico, Netflix ha presentato in anteprima la nuova serie di Ryan Murphy dopo il recente successo di Dhamer. Basato anche su un caso reale, ma ambientato negli anni ’80, si è arrivati Disney+ Candy, la miniserie sull’assassino dell’ascia. E se stai cercando qualcosa di più leggero, lontano dall’oscurità del vero genere criminale, la tua opzione tra le anteprime è Viale 5la commedia spaziale del creatore di veep che ha già presentato in anteprima la sua seconda stagione in hbo max.

“Guardiano” (Netflix)


di cosa si tratta

Dopo essersi trasferiti in quella che doveva essere la casa dei loro sogni in periferia, la vita per la famiglia Brannock diventa rapidamente un inferno. Le lettere inquietanti firmate da “The Watcher” sono solo l’inizio, mentre i sinistri segreti del quartiere vengono lentamente scoperti. Ispirato alla vera storia di una villa del New Jersey.

che motivo c’è per vederla

Ryan Murphy e Ian Brennan, la coppia creativa dietro Dahmer, l’ultimo successo di Netflix, portano questa miniserie anch’essa basata su una storia vera, con un cast stellare guidato da Naomi Watts, Bobby Cannavale, Mia Farrow e Margo Martindale.

Anche se qui non si seguono le orme di un macabro serial killer, l’argomento piace a chiunque e si sente terribilmente vicino, perché mostra cosa siamo vulnerabili a uno stalker che, senza saperlo e senza poterlo evitare, ha accesso all’intimità della nostra casa.

[Tras ‘Dahmer’, ya está en Netflix ‘Vigilante’, otra serie de Ryan Murphy basada en un terrorífico caso real]

“Viale 5” (HBO Max)


di cosa si tratta

Durante l’equipaggio di una lussuosa navicella spaziale di proprietà di un miliardario, il capitano Ryan Clark è sopraffatto quando la nave devia disastrosamente dalla rotta, trasformando quella che doveva essere una crociera di otto settimane in un viaggio di otto anni. L’equipaggio combatte per guidare, calmare, controllare e, se necessario, nascondersi da passeggeri sempre più indisciplinati.

Leggi  Spiegazione della fine!

che motivo c’è per vederla

recitato da Ugo Laurie creato da Armando Iannuci (veep Y il grosso di esso)questa commedia spaziale propone un futuro prossimo in cui il turismo spaziale è già affermato ed è un business in forte espansione che si rivela commercializzato troppo presto.

Anche se Viale 5 raggiunge il livello di acutezza della satira delle serie precedenti, il modo in cui vengono gestiti i problemi, la ricerca di attività che tengano distratti i passeggeri (per impedire loro di sapere cosa sta succedendo) e la scarsa preparazione delle persone in carica, inevitabilmente funzionano come uno specchio della realtà.

[Hugh Laurie: “Hemos consumido tanta ficción que ya no reconocemos lo real cuando sucede”]

“Candy” (Disney+)


di cosa si tratta

Candy Montgomery è una mamma casalinga degli anni ’80 che ha fatto tutto alla perfezione: ha un buon marito, due figli, una buona casa, persino un’attenta pianificazione ed esecuzione di alcune trasgressioni. Ma quando la pressione del conformismo inizia a soffocarla, le sue azioni chiedono un po’ di libertà e avranno risultati mortali.

che motivo c’è per vederla

Per gli amanti del crimine vero e delle storie inquietanti sui serial killer, arriva questa miniserie creata da Nick Antosca e Robin Veith, che racconta l’agghiacciante storia di Candy Montgomery, nota anche come “l’assassina con l’ascia”.

Jessica Biel è responsabile di aver dato vita a questa famigerata assassina, che ha affermato di aver commesso omicidi in cui aveva oscillato la sua ascia più di 40 volte come atto di autodifesa. Un caso intrigante che esplora le ragioni dell’insoddisfazione della casalinga suburbana americana degli anni ’80.

[Crítica: ‘She-Hulk’, ¿Quién es el villano? ¿Y tú me lo preguntas? El villano eres tú]

Lascia un commento