fbpx

3 serie in anteprima consigliate da guardare questo fine settimana su Netflix, Disney + e Movistar Plus +

È venerdì, il momento per programmare il tempo libero che dedicheremo al cinema con i film che arrivano in cartellone o guardare le serie sul divano. Per quelli di voi che preferiscono il piano casa, oltre all’opportuna opzione di La coronati portiamo noi tre prime raccomandazioni che sono arrivati ​​sulle piattaforme di streaming per godersi il weekend dal 10 al 12 settembre.

Se le maratone fanno per te, entra Netflix hai completato da oggi la quinta stagione di cobra kai. fan di La buona battaglia abbiamo un appuntamento fisso da questa settimana in Movistar Plus+ con la sesta e ultima stagione della serie, che si preannuncia più surreale che mai. E se il cocktail tra Danny Boyle, il film biografico musicale, e il punk britannico degli anni ’70 ti sembra attraente, la tua serie è Pistolache ha raggiunto Disney+.

‘Cobra Kai’ – Stagione 5 (Netflix)


di cosa si tratta

Dopo i risultati dell’All Valley Karate Championship, la stagione inizia con Terry Silver deciso ad espandere l’impero Cobra Kai e tentare di imporre il suo stile di karate alla città. Kreese è dietro le sbarre e Johnny Lawrence ha sospeso il karate per concentrarsi sulla riparazione di tutti i danni che ha causato. Con questo scenario, Daniel LaRusso non ha altra scelta che rivolgersi a un vecchio amico.

che motivo c’è per vederla

Nella sua quinta puntata, la serie iniziata nel 2018 come originale di YouTube Red è più ambiziosa e quindi a volte un po’ caotica, ma mantiene ancora lo spirito nostalgico e divertente che l’ha resa un successo globale su Netflix.

Sebbene le stagioni precedenti avessero una forte presenza di drammi adolescenziali, i nuovi episodi si concentrano maggiormente sugli adulti e la decisione si rivela un successo. La chimica tra Macchio e Zabka è migliore che maisoprattutto nel tratto finale, e la sua dinamica rimane una delle migliori in televisione oggi.

[Las claves de la temporada 5 de ‘Cobra Kai’: se avecina una guerra entre dojos]

‘The Good Fight’ – stagione 6 (Movistar Plus+)

Rimorchio ‘Il Buon Combattimento’ | Stagione 6 | Movistar Plus+

di cosa si tratta

Diane si sente intrappolata in un continuo déjà vu e torna ad affrontare tempi surreali. Tra minacce di una nuova Guerra Fredda, libertà di scelta sotto scacco e diritto di voto diminuito, gli avvocati di Reddick & Asociados si chiedono se la violenza che li circonda possa indicare un’imminente guerra civile.

Leggi  un trailer del film horror del regista di Vivarium

che motivo c’è per vederla

La buona battaglia è la serie che meglio ha ritratto il situazione politica travagliata negli Stati Uniti negli ultimi anni, sempre attaccato al presente e con un tono surreale che ritrae la sensazione di un caos costante in un mondo in cui le regole contano sempre meno, senza perdere il suo elegante senso dell’umorismo.

Con questa puntata, in cui i personaggi sembrano destinati a vivere un’imminente guerra civile, la storia si concluderà e sarà pronta ad attaccare tutti, come rivela il primo episodio, in cui il limiti etici del Metaverso di Marco Zuckerbergun processo in cui Liz e Diane non sono dal lato positivo della storia.

[‘The Good Fight’: Todo lo que debes recordar antes del estreno de la temporada 6]

“Pistola” (Disney+)


di cosa si tratta

Miniserie di sei episodi sulla rivoluzione della musica rock & roll innescata dalla band Sex Pistols, guidata da Steve Jones, fondatore e chitarrista. Il viaggio selvaggio, emotivo e talvolta straziante di Jones ci guida attraverso una narrativa caleidoscopica degli anni più epici, caotici e sudici della storia della musica.

che motivo c’è per vederla

Nell’ultimo decennio, Hollywood ha già rivisitato la vita e il lavoro di musicisti come Elton John, Freddie Mercury, David Bowie o Elvis e ha molti altri progetti in fase di sviluppo. Il genere di film biografico musicale È ancora un genere attraente per produttori e spettatori, quindi ci si aspettava che avremmo iniziato a vederlo anche nella serie.

Creato da Craig Pearcecollaboratore abituale di Baz Luhrmann, e girato in 4:3 con molta grana sotto la direzione di Danny Boylequesta storia era incentrata sulla band punk rock britannica Pistole sessuali e il suo chitarrista Steve Jones segue l’ascesa del gruppo e le loro complicate vite personali fino a diventare uno dei punti di riferimento della scena musicale britannica degli anni ’70.

[De Whitney Houston a Madonna: las 12 películas sobre músicos que veremos próximamente]

Lascia un commento