fbpx

3 film consigliati da guardare nel weekend su Netflix, Amazon Prime Video e Filmin

L’ultimo fine settimana dell’anno è arrivato e con esso è giunto il momento di salutare il 2022 e prepararsi a ciò che ha in serbo il 2023. Uno dei migliori piani per godersi questi giorni può essere da casa, divorando puntata dopo puntata o con un film. Per quelli del secondo gruppo, il giornale specializzato in serie televisive e film ha preparato un elenco di proposte di film disponibili su piattaforme di streaming.

Tra le raccomandazioni c’è Rumore di sottofondo, l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo quasi inadattabile di Don DeLillo, diretto da Noah Baumbach e interpretato da Adam Driver e Greta Gerwig. Il secondo titolo è Dire addio a Yang, il delicato e straziante dramma fantascientifico di Kogonada. E infine, è appena arrivato a Filmin dopo aver attraversato le sale Pacificazionel’ultimo film di Albert Serra, uno dei registi più radicali del cinema spagnolo attuale.

[‘Aftersun’ es la mejor película del año, pero solo puede verse en 29 salas de las 3626 que hay en España]

“Rumore di fondo” (Netflix)


in cosa consiste

Un incidente industriale provoca un terribile incidente ambientale in una bucolica città del Midwest americano, ricoprendola di una nube tossica. Jack, un professore universitario che ha vissuto circondato dal rumore bianco dell’alta tecnologia, dei segnali elettromagnetici e del consumismo, è costretto ad affrontare la propria mortalità.

perché dovresti vederlo

Rumore di sottofondo è il terzo episodio della storia d’amore tra Noah Baumbach e Netflix, iniziata da Le storie di Meyerowitz e continuato da storia di un matrimonio. Hollywood aveva trascorso più di 15 anni cercando di adattare il Il romanzo di Don DeLillo Il silenzio (Seix Barral).

Barry Sonnenfeld (uomini in nero) e Michael Almereyda (Frazioni) sono stati gli amministratori che più si sono avvicinati al suo conseguimento. Baumbach ha aperto la 79esima edizione della Mostra del cinema di Venezia con la sua prima incursione nel thriller e con i suoi due attori preferiti: il suo inseparabile Adam Driver e la sua compagna nella vita, l’attrice e regista Greta Gerwig. Con loro ha raggiunto l’impossibile: un adattamento all’altezza del romanzo.

“Dicendo addio a Yang” (Amazon Prime Video)


in cosa consiste

Un uomo e sua figlia cercano di salvare la vita di Yang, un robot mezzo assistente e mezzo tata, che considerano un altro membro della loro famiglia.

perché dovresti vederlo

Prima di sorprendere con il suo delicato esordio alla regia (Colombouna proposta malinconica che si muove in modo esemplare tra il formale e l’emotivo), Kogonada si era già fatto un nome tra gli appassionati di cinema e televisione per i suoi saggi video sulla forma, la struttura e il contenuto delle opere audiovisive. Dire addio a Yang è la conferma di tutto quel potenziale grazie alla storia di un padre che cerca in tutti i modi di salvare la vita di Yang, un robot mezzo assistente e mezzo tata che considerano un altro membro della loro famiglia e che è stato fondamentale per l’adattamento in famiglia della figlia adottiva.

Leggi  David Harbour ha perso 35 chili per "Stranger Things 4" e non intende ripeterlo - Serie di notizie

Il film di Kogonada è uno sguardo malinconico sulla vita che parla della ricerca dell’identità nei luoghi più impensati. Il gioiello Kogonada trascende i cliché delle storie sui robot e sul loro rapporto con gli umani, formandosi un memorabile dittico con il Intelligenza artificiale di Steven Spielberg.

‘Pacifiction’ (film)


in cosa consiste

Sull’isola di Tahiti, nella Polinesia francese, l’Alto Commissario della Repubblica, De Roller, rappresentante dello Stato francese, è un uomo calcolatore dai modi impeccabili. Sia nei ricevimenti ufficiali che negli stabilimenti illegali, non smette di tastare il polso a una popolazione locale la cui rabbia può essere risvegliata in qualsiasi momento. E ancora di più quando prende piede una voce: sembra sia stato avvistato un sottomarino, la cui spettrale presenza potrebbe preannunciare una ripresa dei test nucleari francesi.

perché dovresti vederlo

Albert Serra quest’anno è diventato il primo regista spagnolo senza nome Pedro Almodóvar a competere per la Palma d’Oro in più di un decennio. Era questione di tempo prima che l’incorreggibile regista di La morte di Luigi XIV Y onore di cavalleria è entrato in concorso a Cannes, soprattutto dopo il suo film precedente, Ho rilasciatoha ricevuto il Premio Speciale della Giuria nella sezione Un Certain Regard.

Sapevamo che Serra è stato il primo fan del proprio cinema ma, nonostante il film sia stato finalmente escluso dalla lista dei vincitori presieduta da Vincent Lindon, la critica specializzata ha accolto a braccia aperte la visione sempre radicale di un cineasta che lavorato con 540 ore di materiale lordo in Pacificazione.

Lascia un commento