fbpx

3 film consigliati da guardare nel fine settimana su Netflix, HBO Max e Filmin

Oltre a scegliere tra tutti le novità che arrivano questa settimana sul grande schermo o optare per una buona serieChi preferisce restare a casa potrà anche godersi i migliori film in streaming, con due opzioni in anteprima sulle piattaforme e un’altra raccomandazione per uno dei migliori film classici.

La prima raccomandazione è infesto, un thriller poliziesco ambientato nel nord minerario della Spagna in piena reclusione a causa del coronavirus e diretto da Patxi Amezua. Al secondo posto, un classico del cinema di Igmar Bergman come in uno specchioun dramma soffocante che guida la trilogia della fede e che vinse l’Oscar per il miglior film straniero nel 1961. E infine Acquail debutto della regista Elena López Riera, che arriva a Filmin con due nomination ai Goya.

[‘Las paredes hablan’, el documental de Carlos Saura: “Hemos vuelto al origen: pintar en los muros”]

“Infestazione” (Netflix)


in cosa consiste

Marzo 2020. Il primo giorno dello stato di emergenza, due ispettori di polizia vengono chiamati in una piccola città mineraria delle montagne asturiane dove è apparsa una giovane donna che si presumeva morta da mesi. Mentre il mondo cade a pezzi e le tragedie personali colpiscono ovunque, i detective non impiegano molto a rendersi conto che il virus potrebbe non essere l’unica forza oscura all’opera.

perché dovresti vederlo

Ambientato nel nord della Spagna, nella zona mineraria delle Asturie, il thriller diretto da Patxi Amezcua si addentra gradualmente in una trama dove niente e nessuno è quello che sembra. In questa indagine poliziesca i veri protagonisti sono l’ambiente, i paesaggi e i colori che la storia acquista e con il passare dei minuti la storia si fa sempre più intensa e sebbene le sue riprese coprano appena un’ora e mezza, la sua durata potrebbe sembrano più lunghi a causa della tensione che si genera.

“Come in uno specchio” (HBO Max e Filmin)

in cosa consiste

Durante una bella estate, uno scrittore, sempre troppo impegnato e dal temperamento freddo e distante, va a trascorrere qualche giorno con i figli, un’adolescente e una giovane donna con problemi psichici, sposata con un medico che la cura con grande tenerezza. La permanenza sull’isola dove vivono i suoi figli innesca una crisi che colpisce tutti, ma soprattutto lui, perché prende coscienza della sua incapacità di dare alla sua famiglia ciò che si aspettano da lui.

Leggi  Spiegazione della scena post-crediti!

perché dovresti vederlo

Premio Oscar per Miglior film in lingua straniera nel 1961, come in uno specchio È uno dei migliori film di Igmar Bergman, uno dei più grandi registi della storia del cinema. È la prima parte di quella che è conosciuta come la trilogia della fede, che comprende anche altri due lungometraggi come Il silenzio E I Comunicanti. Quando a Bergman è stato chiesto a chi stesse pensando mentre scriveva questi personaggi, ha risposto categoricamente: “Me stesso”.

‘L’acqua’ (Filmin)


in cosa consiste

È estate in una piccola città nel sud-est della Spagna. Una tempesta minaccia di straripare il fiume che la attraversa di nuovo. Un’antica credenza popolare afferma che alcune donne sono predestinate a scomparire ad ogni nuova alluvione perché hanno “l’acqua dentro”. Ana (Luna Pamies) vive con sua madre (Bárbara Lennie) e sua nonna (Nieve de Medina) in una casa che il resto della città guarda con sospetto. Nel bel mezzo dell’atmosfera elettrica che precede la pioggia, Ana incontra José (Alberto Olmo) mentre lotta per scacciare i fantasmi.

perché dovresti vederlo

Elena López Riera ha deciso di mettere in immagini le leggende che le raccontava sua nonna. Acqua porta lo spettatore in un viaggio nell’estate di una piccola città della Comunità Valenciana, quando una tempesta minaccia di straripare ancora una volta il fiume che la attraversa. È preferibile conoscerlo il meno possibile prima di vederlo, ma se dovessi descrivere il film, le parole migliori per farlo sono quelle del suo regista, che descrive il luogo in cui si svolge la narrazione come un sito “in cui le cronache quotidiane si mescolano costantemente a storie fantastiche”.

Lascia un commento