fbpx

3 film consigliati da guardare durante il fine settimana su Netflix, Disney+, HBO Max e Apple TV+

Il freddo si fa sempre più intenso, le strade sono piene di gente e la pioggia invita a restare a casa ea dedicare il fine settimana a una bella sessione di film e una coperta. Se sei uno di quelli che preferisce lasciare le anteprime in cartellone per i giorni feriali (evitando così l’invasione delle sale che la prima di Avatar: Il senso dell’acqua), a il giornale specializzato in serie televisive e film siamo fedeli il nostro appuntamento cinematografico ogni sabato e vi portiamo le nostre proposte di film selezionati che possiamo goderci sulle piattaforme di streaming.

Per iniziare, dentro Netflix Possiamo vedere Le linee storte di Dio, il celebre adattamento cinematografico del romanzo di Torcuato Luca de Tena con Bárbara Lennie nei panni di Alice Gould e che i Goya hanno nominato in sei categorie. Disponibili in Disney+ Y HBO Max è Il labirinto del faunoun classico moderno del cinema spagnolo che ha più a che fare di quanto sembri con l’ultimo film del suo regista, Guillermo del Toro e la sua particolare versione di pinocchio.

Completiamo i consigli della settimana con uno di quei film che devi vedere prima di fare il massimo per i migliori film dell’anno: danzando con la vita, l’affascinante commedia romantica generazionale di Cooper Raiff. Se invece preferisci guardare un episodio dopo l’altro, hai anche i nostri consigli per le serie in anteprima per il fine settimana.

‘Le linee storte di Dio’ (Netflix)


in cosa consiste

Alice, investigatrice privata, viene ricoverata in un ospedale psichiatrico simulando paranoia. Il suo obiettivo è raccogliere le prove del caso su cui sta lavorando: la morte di un detenuto in circostanze poco chiare. Tuttavia, la realtà che dovrà affrontare durante la sua reclusione supererà le sue aspettative e metterà in discussione la sua sanità mentale. Un mondo sconosciuto ed emozionante apparirà davanti ai tuoi occhi.

perché dovresti vederlo

I lettori di Torcuato Luca de Tena hanno dovuto aspettare più di 40 anni per vedere l’adattamento della sua opera più famosa, Le linee storte di Dio, la storia di una donna dell’alta borghesia che viene ricoverata in un ospedale psichiatrico. Mentre indaga sulla morte di un paziente, gli spettatori cercano di rispondere alla grande domanda di questo thriller: è Alice Gould chi dice di essere, un investigatore privato che è stato vittima delle manipolazioni del marito o una donna con problemi mentali che ti ha hai inventato una via di fuga da tutti i tuoi problemi?

Oriol Paulo raggiunge la cosa più difficile con il suo ultimo film: catturare lo spirito dell’opera di Luca de Tena senza rinunciare allo stile inconfondibile, eccessivo e artificioso di film come Battuta d’arresto, Durante la tempesta Y Il corpo. Barbara Lennie è una scelta fantastica per trasmettere le contraddizioni, il magnetismo e la presenza (leggermente) inquietante di Alice Gould. Dopo anni di thriller impersonali e ripetitiviLe linee storte di Dio è un divertimento che consacra Paulo come la voce più autentica del genere in Spagna.

[Oriol Paulo (‘Los renglones torcidos de Dios’): “El cine ha estado muerto muchas veces y siempre ha vuelto”]

“Il labirinto del fauno” (Disney+ e HBO Max)

Ancora da “Il labirinto del fauno”.

Netflix

in cosa consiste

Anno 1944, dopo la vittoria di Franco. La ragazza Ofelia e sua madre, convalescenti a causa di un avanzato stato di gravidanza, si trasferiscono in un paesino dove spicca il suo nuovo marito, crudele capitano dell’esercito franchista per il quale la ragazza non prova alcun affetto. . La missione di Vidal è porre fine alle ultime vestigia della resistenza repubblicana che restano nascoste tra le montagne della zona.

Leggi  Il thriller Netflix di David Fincher potrebbe finalmente uscire entro Natale

perché dovresti vederlo

Guillermo del Toro ha recentemente recitato in un video virale in cui ha confessato, durante una vecchia intervista con Raquel Sánchez Silva nel programma piaceche cosa passato mesi a crederci Il labirinto del fauno non era buono. Doveva essere il suo amico Alfonso Cuarón ad aprirgli gli occhi e fargli giungere alla conclusione che il mondo ha raggiunto quando la sua visione molto personale della guerra civile spagnola è stata presentata in anteprima e ha vinto 3 Oscar dall’Accademia di Hollywood, tra molti altri. Avevo fatto un’opera d’arte.

Consiglia un classico moderno come Il labirinto del fauno A 15 anni dalla sua uscita può sembrare casuale, ma il regista messicano ha appena pubblicato il suo adattamento di Pinocchio. La sua prima incursione nel cinema d’animazione come regista ne completa una inaspettata e impressionante con i suoi due film in Spagna (l’altro è La spina dorsale del diavolo, titolo che ha avuto una migliore accoglienza all’estero che nel nostro Paese). Il film d’epoca con Maribel Verdú, Sergio López e una giovane Ivana Baquero era un prodigio a livello concettuale, artistico e narrativoil film che ha materializzato per sempre lo stile di Guillermo del Toro nell’immaginario collettivo.

[Cooper Raiff, la voz de una generación: “No represento de ninguna manera a nadie más que a mí mismo”]

“Ballando con la vita” (Apple TV+)


in cosa consiste

Andrew, un ragazzo di 22 anni appena uscito dal college che non sa cosa fare della sua vita, non ha altra scelta che tornare dalla sua famiglia nel New Jersey. Esperto in allestimenti serali, trova lavoro come intrattenitore alle feste bar mitzvah dei compagni di classe del fratellino. Quando fa amicizia con una donna di nome Domino e sua figlia Lola, che ha un lieve autismo, Andrew scopre il futuro che desidera davvero… anche se potrebbe non essere il suo.

perché dovresti vederlo

Prima di stilare la vostra classifica dei migliori film del 2022, vi consigliamo di dare un’occhiata a uno dei gioielli dell’ultimo Sundance Festival. I cinici non devono guardare lontano per ragioni per guardare. danzare per la vita con ironica distanza, ma avranno un momento incredibilmente difficile per non innamorarsi di un fascino e di una sensibilità che sono semplicemente travolgenti. Ciò che in altri cineasti potrebbe essere percepito come falso o frivolo, qui appare personale e autentico.

Essere ottimisti, romantici ed empatici è una dichiarazione di intenti da un regista che può sembrare egocentrico. Non è. Il personale è universale. Con 25 anni e solo due film, la nuova promessa del indipendente L’americano ha già stabilito una personalità irresistibile e uno stile riconoscibile. Molti artisti hanno bisogno di un’intera carriera per scoprire chi sono e cosa vogliono dire. Cooper Raiff lo ha chiarito fin dall’inizio. Ora sta allo spettatore se vuole brontolare davanti a uno sguardo sorridente in un mondo ostile o se vuole lasciarsi trasportare dalla bellezza e dalla gioia di vivere di un regista che è qui per restare. Benvenuto sii.

Lascia un commento