fbpx

3 cose che fanno ‘Ms. Marvel’ una serie diversa nell’UCM (e la più rinfrescante) – Serie di notizie

La sesta serie live-action della Marvel debutta oggi su Disney+. Perché la storia di Kamala Khan ha un sapore così diverso?

Il nuova serie Marvel Studios per Disney+ ha appena visto la luce sulla piattaforma di “streaming” e possiamo garantire che l’incontro con Kamala Khan in signora Marvel sarà un’esperienza rinfrescante, divertente e perfetta per ogni momento della giornata. Al momento c’è un solo episodio -il primo- disponibile sul servizio Disney + SVOD, ma probabilmente ti lascerà desiderare di più.

Per i più confusi, spiegalo signora Marvel è la serie live-action sull’amato personaggio della Marvel Comics con protagonista la giovanissima ma brillante attrice Iman Vellani: un’adolescente pachistana americana di 16 anni, musulmana, giocatrice e amante di The Avengers che, dopo aver indossato un vecchio braccialetto di famiglia, risveglia nel proprio corpo poteri latenti che non sapeva di avere.

Spaventata e confusa, Kamala è determinata a imparare a usarli per sempre ea diventare uno degli eroi che idolatra tanto, ma… allo stesso tempo è ancora un’adolescente con i problemi della sua età e una famiglia più tradizionale di quella che vorresti.

Dopo l’acclamato Scarlet Witch e Vision, Falcon e il Winter Soldier, Loki, What If…?, Hawkeye Y cavaliere della luna, signora Marvel È una boccata d’aria fresca nell’MCU. Quali cose lo rendono così diverso?

1. Un nuovo supereroe, una nuova generazione

“La Marvel ha 80 anni e la maggior parte dei suoi personaggi ha una storia nei fumetti di oltre 50 anni, quindi è piuttosto importante quando un nuovo personaggio viene portato in tavola“, afferma Kevin Feige nelle dichiarazioni condivise dalla piattaforma Disney+ in occasione del debutto della tanto attesa serie.

Ed è che Kamala Khan, una giovane adolescente, minorenne e fan dei supereroi classici che ha conosciuto per tutta la sua vita, è un tipo di personaggio diverso da quelli che abbiamo conosciuto fino ad oggi. Il primo di una nuova generazione all’interno del Marvel Cinematic Universe, ma che promette di continuare a crescere. “La cosa interessante di Ms. Marvel è che lo è molto diverso e unico dal resto degli eroi“, assicura il produttore esecutivo della fiction Sana Amanat -co-creatore del personaggio nei fumetti insieme allo sceneggiatore G. Willow Wilson-.

[Ms. Marvel] Non ha tecnologia o armature sofisticate. È solo un’adolescente di Jersey City che cerca di capire il mondo intorno a lei quando improvvisamente acquisisce dei superpoteri. E mentre la sua identità mette un obiettivo diverso su questa storia Marvel, è anche molto riconoscibile.

Infatti, ancora diversa e nuova, Ms. Marvel è una vera e propria istituzione tra i lettori di The House of Ideas: “Si tratta di una delle nuove proprietà di maggior successo della Marvel Comics e i fan non vedevano l’ora di vedere il personaggio in live action” , spiega Kevin Feige. “Per anni le persone ci hanno chiesto: ‘Quando vedremo la signora Marvel nel Marvel Cinematic Universe?’ Abbiamo sempre voluto portarla nel MCU, ma una delle grandi cose di Kamala Khan è che è una fan .assoluto di tutti questi eroi del franchise e Dovevamo prima stabilire quegli eroi, in particolare Captain Marvel, in modo che potesse avere un’eroina che volesse incarnare prima di imparare a diventare la sua stessa eroina”.

‘SM. Marvel’ inizia una nuova generazione di supereroi: “Il suo codice morale e la sua umanità sono diversi dagli altri”

2. Un tono ottimista e messaggi positivi per il pubblico più giovane

signora Marvel è la storia di come Kamala Khan, dopo aver scoperto di possedere dei superpoteri, impara ad usarli e ne indaga sulle origini, ma è anche la storia di un’adolescente normale, con i soliti problemi e dilemmi che una persona della sua età dovrebbe affrontare.

Kamala ha 16 anni ed è molto cool. È una giocatrice di categoria, ama scrivere fan fiction ed è una vera fan del Marvel Cinematic Universe, proprio come l’attrice incaricata di incarnarlo sullo schermo, Iman Vellani. Ha un amico inseparabile da sempre, Bruno (Matt Lintz), e mantiene un rapporto perfettamente normale con la sua famiglia. I suoi genitori, come lei, sono musulmani, ma hanno una visione della vita più conservatrice, come ci si potrebbe aspettare. Mentre Kamala è desiderosa di maggiore libertà e di esplorare se stessa – non più solo come eroina, ma principalmente come persona – i suoi genitori hanno paura di lasciarla volare. Uno scenario con cui è certamente facile identificarsi.

Leggi  Crea dipendenza, soffoca e dura meno di 5 ore: una delle serie spagnole più straordinarie dell'anno è già su Netflix - Notizie serie

Non tutto è facile neanche a scuola, dove Kamala sente che a volte non si adatta, ma la visione che porta signora Marvel di questo periodo molto complesso della vita che è l’adolescenza è super ottimista, rinfrescante e ha messaggi meravigliosi per gli spettatori più giovani.

“La cosa interessante di Kamala Khan è che è molto diversa e unica dal resto degli eroi in quanto è solo una normale ragazzina di Jersey City che cerca di capire il mondo”, spiega Amanat. “È molto vulnerabile e curiosa. Ha domande sul mondo che la circonda e sta cercando di capire le cose mentre prosegue il suo viaggio”.

Kamala riceve un sacco di ottimi consigli mentre prosegue il suo viaggio per l’intera serie e scopre che non può essere qualcun altro per essere il supereroe. Che deve essere se stessa e capire cosa significa: il tipo di supereroe che vuole essere, qual è il suo codice morale e per chi combatterà. Penso che ciò che la rende diversa da tutti gli altri nel Marvel Cinematic Universe sia il suo codice morale e la sua umanità. che è molto rinfrescante [Iman Vellani]

Nelle sue dichiarazioni a SensaCinema -Puoi vedere l’intervista completa all’inizio di questa notizia-, Vellani era assolutamente entusiasta dell’onore di essere il supereroe più giovane dell’UCM e di cosa questo significherà per il futuro. Allo stesso modo, la giovane attrice è chiaro di essere un personaggio con cui gli altri giovani possono identificarsi rapidamente: “Kamala rappresenta tutto ciò che riguarda la cultura nerd. Quando ottiene i poteri per la prima volta, sei con lei perché puoi vedere quell’eccitazione e il fascino nei suoi occhi. Questo è ciò che rende il personaggio così universale e riconoscibile. Non si tratta di essere un’adolescente americana pachistana musulmana, ma una ragazza amante dei Vendicatori che è un’adolescente americana pachistana”.

3. È la prima supereroina musulmana ed è ispirata dalle esperienze reali di uno dei suoi produttori esecutivi

L’origine e l’aspetto multiculturale di Ms. Marvel sono ispirati dalle esperienze di vita reale del produttore esecutivo Sana Amanat, che ha co-creato la prima supereroina musulmana per i fumetti con lo scrittore G. Willow Wilson, l’artista Adrian Alphona e l’editore Stephen Wacker. “Quando abbiamo avuto l’opportunità di creare un giovane supereroe dell’Asia meridionale e musulmano Era nuovo e fresco, ma allo stesso tempo completamente allineato ai principi che i personaggi Marvel avevano sempre rappresentato”, ha spiegato Amanat per Disney +. “Potente e fantastico, ma con vulnerabilità abbastanza riconoscibili. Quindi dall’inizio ho condiviso le mie esperienze personali per integrare l’autenticità culturale nel personaggio”.

“Non ho mai visto una giovane donna di colore, in particolare una donna pachistana, in un fumetto nei panni di un supereroe”, ricorda la scrittrice principale della serie Bisha K. Ali. “È stato un momento decisivo dal punto di vista culturale. Sono stato finalmente in grado di vedermi rappresentato nei fumetti e nel mondo dei supereroi, ed è per questo che ero così attratto da Kamala Khan”. E la stessa cosa succede a Iman Vellani. Per entrambi, fare signora Marvel è quasi come un sogno.

Spero che la serie faccia per le altre persone quello che i fumetti hanno fatto per me. [Iman Vellani]

“Vogliamo raccontare storie senza stereotipi”, aggiunge Ali. “Vogliamo renderle persone reali, moderne e ricche di sfumature in cui tutti possano identificarsi”. “È la storia di una giovane donna che diventa maggiorenne e di cosa significa per lei l’empowerment di fronte alle norme tradizionali che le sono state insegnate”, aggiunge Samanat.

E se ci riuscissero.

Il primo episodio di signora Marvel è ora disponibile su Disney+.

Lascia un commento